laRegione
cresce-in-ticino-la-voglia-di-acquistare-un-arma
Ticino
19.05.18 - 14:500

Cresce in Ticino la voglia di acquistare un'arma

Nel 2017, 1’745 autorizzazioni, erano 718 nel 2008. Per la polizia è difficile verificare se chi vende munizioni rispetta le norme vigenti

La strage evitata alla Commercio di Bellinzona ha riacceso i riflettori sulla facilità di acquistare munizioni e armi. Una ventina quelle trovate a casa dello studente arrestato (gran parte ereditate dal nonno) più 150 colpi appena comperati. Che cosa verifica l’autorità? Dal 2008 c’è l’obbligo di annuncio. Chi acquista pistole, rivoltelle, carabine, fucili sia automatici, sia a ripetizione, fucili a pompa o a leva deve richiedere il permesso di acquisto alle autorità. C’è un formulario da riempire con allegati l’estratto casellario e la copia di un documento d’identità. Chi non lo fa per sport, caccia o collezione deve indicare il motivo. Tutto va inviato al Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata della Polizia cantonale. Due settimane per la risposta e 50 franchi di spesa.
Se arriva luce verde, si procede alla vendita. Una copia del formulario va al cliente, una al venditore, una alla polizia, che deve verificare se l’acquirente può diventare un pericolo. Una grossa responsabilità. «Quando giunge un’istanza per l’ottenimento di un permesso d’acquisto di armi, il nostro Servizio verifica se sono dati i requisiti di cui all’art. 8 cpv. 2 della Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni (RS 514.54; Larm)», risponde il Servizio comunicazione, media e prevenzione della Polizia cantonale. Ossia niente armi ai minorenni, a chi è sotto curatela, a chi si ritiene possa essere un pericolo per se stesso o per terzi, a chi ha subìto una condanna per reati che ‘denotano un carattere violento o pericoloso’, agli iscritti al casellario giudiziale.
Ma come fa la polizia a verificare se una persona può essere o diventare pericolosa? «I nostri controlli avvengono in primo luogo tramite la consultazione delle banche dati cantonali e federali in uso alla Polizia cantonale e tramite la richiesta del preavviso rilasciato dall’autorità cantonale di cui all’art. 6 della Legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna (RS 120; Lmsi). Se vi sono elementi oggettivi, sia al momento della richiesta che in seguito, vengono svolti ulteriori accertamenti, che possono spaziare dal verbale amministrativo alla richiesta di documentazione medica specialistica. In particolare, un rapporto peritale psichiatrico è richiesto quando vi sono indizi per ritenere che un richiedente, rispettivamente un possessore di armi, possa esporre a pericolo se stesso o terzi».


Sulle munizioni ‘vigila’ chi le vende

Succede che l’autorità dia una risposta negativa. «I numeri variano di anno in anno. Nel 2017 sono state rilasciate 1’745 autorizzazioni, di cui meno del 5% è stata respinta poiché non adempiva i requisiti previsti dalle normative vigenti», precisa la polizia.
Anche per l’acquisto delle munizioni la legge pone paletti: «L’articolo 15 della Larm prevede che possano essere acquisite unicamente da persone che sono legittimate all’acquisto dell’arma corrispondente. Chi vende l’arma è tenuto a verificare che le condizioni per l’acquisto siano adempiute (applicando per analogia l’art. 10a Larm)», precisa il Servizio.
Dunque munizioni solo ai maggiorenni, a chi non è pericoloso o sotto curatela o con una condanna sul casellario giudiziale. Il tasto più dolente sono i controlli: 
«I controlli presso i titolari di patente di commercio di armi vengono eseguiti secondo quanto previsto dalla legge (dall’art. 29 della Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni, RS 514.54; Larm, e 53 dell’Ordinanza sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni (RS 514.541; Oarm). Nell’ambito di questi controlli è però difficile verificare se le norme sulla vendita delle munizioni siano state rispettate. È una responsabilità che spetta di fatto alle armerie quando il cliente è in negozio».

TOP NEWS Cantone
Coronavirus
1 ora
Visiere poco utili, meglio le mascherine. Ma non basta
Protezione facciale in plastica insufficiente. Le priorità comunque restano distanze di sicurezza e igiene. Garzoni (Moncucco): ‘Troppi dimenticano le regole’.
Isone
1 ora
Dopo la morte del soldato sospesi i test più pesanti
In caserma attività alleggerita. La vicenda è ora oggetto di una indagine, affidata alla giustizia militare
Grigioni
1 ora
La Parrocchia di San Vittore si lancia nel grotto Matafontana
Da marzo del prossimo anno l'intento è di far diventare il ritrovo un luogo di aggregazione, offrire posti di lavoro e valorizzare prodotti del territorio
Locarnese
3 ore
Mappo-Morettina bloccata da tamponamento. Ora riaperta
Il traffico nella galleria era rimasto bloccato in entrambe le direzioni. Non ci dovrebbero essere feriti né danni ingenti
Locarnese
3 ore
Ascona, il sorpasso per il lungolago non divide la politica
La spesa maggiorata per Piazzale Torre non intacca la fiducia nell'esecutivo del Borgo: approvato in Cc il credito di 721mila franchi
Lugano
4 ore
LuganoDante, un hotel-ritrovo per la Città
Lo storico albergo di piazza Cioccaro è stato completamente rivoluzionato: una forte scommessa sul futuro
Mendrisiotto
5 ore
Il bagno-spiaggia di Arzo va recuperato. Ma come biopiscina
Un drappello di consiglieri comunali di Mendrisio lancia l'idea al Municipio, pronto a valorizzare l'antico stabilimento balneare
Luganese
10 ore
Campione d'Italia, venduto il primo gioiello di famiglia
È la villa di Bordighera la cui vendita fu bocciata nel dicembre 2019. Nulla da fare per il secondo, ricco immobile (la crisi del settore non aiuta)
Ticino
10 ore
Covid-19, cinque nuovi contagiati in Ticino
Il totale dei positivi al coronavirus registrati dall'inizio della pandemia sale così a 3'381. Nessuna nuova ospedalizzazione, nessun nuovo decesso.
Mendrisiotto
14 ore
'Le donne esistono e hanno un peso'
Françoise Gehring è la seconda donna che siede in Municipio a Mendrisio nello spazio di una legislatura. 'Un viatico per il 2021? Lo spero'
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile