laRegione
laR
 
05.10.22 - 08:46
Aggiornamento: 17:54

‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’

Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi

di Mirko Sebastiani
salviamo-la-biblioteca-islamica-di-chiasso
Ti-Press

Per anni è stato un punto d’incontro tra diverse culture, un luogo in cui avvicinarsi e approfondire il complesso, elaborato, e troppo spesso frainteso, mondo della religione islamica. E ora, l’Associazione Islam senza frontiere, presente con la propria Biblioteca islamica a Chiasso sin dalla sua fondazione nel 1999, potrebbe perdere la propria sede storica. La Biblioteca è, infatti, a rischio di sfratto a causa di ristrettezze economiche. Per cercare di porvi rimedio è stata lanciata una raccolta fondi. L’obiettivo è quello di riuscire a racimolare 10mila franchi, ma il tempo è tiranno: il termine è infatti il 15 ottobre.

«L’Associazione si è sempre mantenuta grazie alle donazioni e alle raccolte fondi, oltre che ai proventi delle nostre attività, come ad esempio la vendita di libri o del cibo che prepariamo durante gli eventi che organizziamo per favorire lo scambio interculturale», spiega a ‘laRegione’ Hassan El Araby, uno dei fondatori e attuale presidente dell’Associazione che ha la sua base in via Bossi. «Ultimamente, però, le donazioni sono diminuite, anche perché molta gente si trova in difficoltà. Infatti, il nostro non è l’unico centro ad aver registrato un calo delle entrate – racconta ancora il presidente –. Il ricavato della raccolta fondi ci è necessario per pagare i mesi di affitto arretrato e per permetterci di tirare un po’ il fiato e avere così il tempo di trovare altri sponsor».

Un punto di riferimento radicato nel territorio

«La nostra Biblioteca, del resto, è molto di più di un luogo dove andare a pregare, come ad esempio potrebbe essere una moschea», tiene a rimarcare El Araby. «È un luogo di scambio culturale e dal forte impatto sociale, a cui molte persone, anche non musulmane, si rivolgono quando vogliono saperne di più sulla nostra religione. Un esempio classico sono le persone cristiane o comunque di fede non islamica che ci contattano perché hanno deciso di sposare una persona musulmana e hanno bisogno di chiarimenti e aiuti. Come detto, organizziamo anche molti eventi dove condividiamo il nostro cibo e la nostra cultura, oltre a tenere lezioni di lettura del Corano e di arabo per donne e bambini».

A proposito di bambini, un momento di cui El Araby si ricorda con fierezza è una lettura di poesie in italiano da parte di bambini musulmani, che si svolgeva annualmente fino a poco tempo fa, spesso di fronte a diverse personalità di spicco della scena politica ticinese. Un emblema dell’integrazione e dello scambio tra culture, dunque, che ha ricevuto spesso gli elogi della Commissione cantonale per l’integrazione e che ha persino «accolto l’allora ambasciatore americano nel 2007, che è passato a trovarci durante un suo soggiorno in Svizzera», rivela El
Araby con una punta di orgoglio. Il presidente stesso afferma di essere molto bene integrato nella comunità locale, e di essere anche stato per ben due volte consigliere comunale a Chiasso, la prima tra il 2004 e il 2008, e poi ancora dal 2008 al 2010.

‘L’Associazione continuerà a esistere’

L’Associazione resiste: su questo non si discute. La raccolta fondi, però, per il momento non sta dando i risultati sperati. Viene quindi da chiedersi cosa succederà nel caso la cifra prefissata non dovesse venir raggiunta. «Al momento abbiamo ricevuto delle donazioni – conferma El Araby –, ma purtroppo sono ancora insufficienti. Ma anche se la raccolta fondi non dovesse andare a buon fine, l’Associazione non cesserà certo di esistere e manterremo comunque tutte le nostre attività: siamo un punto di riferimento per molte famiglie e molte persone, e a prescindere le nostre iniziative sociali proseguiranno.

«Anche le nostre lezioni proseguiranno, dato che possiamo svolgerle via Zoom – conclude El Araby –. La difficoltà sarebbe più che altro per le lezioni domenicali che impartiamo ai bambini: per quelle dovremo trovare degli altri spazi da affittare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
4 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
6 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
9 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
9 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
15 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
16 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
18 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
19 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
19 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
20 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
© Regiopress, All rights reserved