laRegione
12.09.22 - 15:53
Aggiornamento: 17:53

Ha cercato il ‘clima cameratesco’ in una camera d’albergo

Esaminato in Appello quanto accaduto tra un 55enne e un 13enne arrivati a Mendrisio per fare acquisti. L’uomo contesta la condanna per molestie sessuali

ha-cercato-il-clima-cameratesco-in-una-camera-d-albergo
archivio Ti-Press
La sentenza sarà comunicata nei prossimi giorni

È iniziata come una giornata di svago che sarebbe dovuta servire a un allora 13enne vallesano a «parlare dei miei problemi e della mia vita». È finita con una denuncia per molestie sessuali, guida senza autorizzazione e somministrazione a fanciulli di sostanze pericolose per la salute (nella fattispecie prosecco) nei confronti di un avvocato oggi 55enne residente in Vallese. Il secondo grado del processo che vede l’uomo alla sbarra per rispondere dei reati citati si è svolto questa mattina davanti alla Corte di Appello e revisione penale presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will (giudici a latere Rosa Item e Francesca Lepori Colombo). L’imputato ha ammesso solo la guida senza autorizzazione, ma ha contestato le condanne per molestie e somministrazione di sostanze pericolose, e quindi la condanna a 30 aliquote da 470 franchi sospesa e la multa di 1’000 franchi emessa dalla Pretura penale. La sentenza sarà comunicata alle parti nei prossimi giorni.

La giornata di shopping

Nell’aprile del 2018, a bordo dell’aereo privato dell’imputato, i due hanno dapprima raggiunto Agno per poi recarsi in un grande centro commerciale di Mendrisio per una giornata di shopping. Al termine, stando a quanto dichiarato dall’avvocato vallesano durante l’inchiesta, l’entusiasmo della giornata ha portato a un bacio sulla guancia al giovane. «Non ho un ricordo preciso – ha affermato l’uomo rispondendo alle domande della giudice –. Mi ricordo solo che il ragazzo era scoppiato a piangere dopo essersi confidato sui suoi problemi in famiglia». A contattare l’avvocato e chiedere il suo sostegno era stata la mamma dell’allora 13enne, resasi conto che il figlio stava attraversando una fase difficile della sua vita, dopo averlo sentito in una trasmissione radiofonica in cui dispensava consigli e parlava della sua passione aviatoria.

‘Una complicità che mi differenziasse’

Il passare delle ore, e la conseguente impossibilità a rimettersi in volo, ha spinto i due a pernottare in un albergo. Qui c’è stato l’acquisto di una bottiglia di prosecco, consumato anche dal minore. «Mi trovavo con un ragazzo che aveva rotto con il mondo degli adulti, con cui era violento – ha spiegato ancora l’imputato precisando che il giovane «ha bevuto due bicchieri nemmeno pieni in 6 ore; la maggior parte della bottiglia l’ho bevuta io» –. Non è di certo stata la miglior idea del secolo, ma l’ho comprata per creare una connessione con lui, per avere una sorta di complicità che mi differenziasse dalle persone adulte dalle quali si era distanziato». In questo contesto, ha tenuto a precisare l’imputato, «vanno letti i baci sulla guancia, il braccio sulle spalle e le parole usate». Le parole sono quelle che il 55enne avrebbe pronunciato quando il ragazzo avrebbe affermato di volere bere qualcosa di più forte, fatto poi non avvenuto. «Oggi non ricordo esattamente cosa ho detto, ma il senso era che se avessimo bevuto altro alcol, avrei fatto delle sciocchezze». Quello vissuto quella sera è stato «un clima cameratesco. Capisco che vedere dall’esterno un 50enne e un 13enne può dare una brutta impressione, ma erano soltanto degli scherzi e il mio tentativo, sin li abbastanza riuscito, di creare un ambiente amichevole e cameratesco». Quando il ragazzo ha respinto il braccio dell’uomo sulla sua spalla «non ho più insistito. Era la prima volta che mi mostrava il fastidio di quel contatto».

‘Non è successo niente di male’

Ascoltato in aula su richiesta della difesa come persona informata sui fatti, il giovane ha affermato di non ricordare «nulla di particolare o che mi abbia infastidito e di aver provato a bere del prosecco». Con il 55enne «ricordo di avergli parlato dei miei problemi perché questo era lo scopo della trasferta in Ticino. Mi sono anche commosso e ho pianto, non in camera ma il giorno dopo quando abbiamo fatto benzina in una stazione di servizio». A domanda diretta il giovane, accompagnato nell’aula penale di Locarno dal padre, ha spiegato di aver vissuto l’avvocato «come una persona che mi aiutava e posso dire che effettivamente un po’ lo ha fatto: è stato il primo con cui parlavo dei miei problemi e mi sentivo capito». Nel corso dell’inchiesta il ragazzo ha anche spedito due lettere alla Pretura indicando che quella sera e quella notte non è successo niente di male. «È ancora adesso il mio pensiero e lui non mi ha mai chiesto nulla, né direttamente né attraverso mia mamma».

Parola alle parti

L’inchiesta è stata condotta dal Procuratore pubblico Roberto Ruggeri, che non ha presenziato all’Appello. Chiedendo la conferma della condanna, l’avvocato Giorgia Maffei, legale del giovane, ha sostenute che «le dichiarazioni fatte allora dal 13enne sono credibili e su quelle dobbiamo basarci: l’imputato ha perseverato nelle sue avances». La difesa, rappresentata dall’avvocato Stefano Lappe, ha invece chiesto il proscioglimento dai reati di molestie e somministrazione di sostanze pericolose indicando «l’interpretazione scorretta della Procura e del giudice di prima istanza che, pur di trovare un movente sessuale che non c’è stato, ha creato uno ‘storytelling’ che sfuma non appena si entra nei dettagli». La difesa, ha aggiunto Lappe, «fatica a trovare una connotazione sessuale dell’accaduto: sono stati atteggiamenti di sostegno verso un ragazzo tormentato e con problemi in famiglia».

‘Un’idea perlomeno inopportuna’

Le ultime parole sono state quelle del 55enne. L’uomo ha ricordato che «al Pretore ho detto che quel week end in Ticino è stata la peggior idea che avevo avuto perché la stavo pagando cara e non avrei mai più rifatto una cosa del genere». Anche oggi, ha aggiunto «reputo che l’idea sia stata perlomeno inopportuna. Ma se penso al ragazzo come l’ho visto oggi, e in particolare come l’ho visto parlare con il padre, mi viene da dire che quel fine settimana è servito a qualcosa».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
6 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
19 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
21 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
22 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
22 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
© Regiopress, All rights reserved