laRegione
06.09.22 - 18:41
Aggiornamento: 07.09.22 - 10:41

Dal Ticino al Congo per organizzare una colonia... africana

I volontari dell’Associazione di Caneggio solidale con i bambini di quel lontano Paese raccontano la loro esperienza estiva

dal-ticino-al-congo-per-organizzare-una-colonia-africana
Solidarietà con i bambini del Congo
I bambini vanno da zero a 16 anni

Andare in colonia. Per i bambini ticinesi è una consuetudine estiva. Ma per i piccoli ospiti dell’orfanotrofio di Djuma, nel cuore del Congo, rappresenta un evento eccezionale. E anche i gesti più semplici diventano motivo di gioia. A portare una ventata di novità, dopo due anni di stop forzato a causa del Covid-19, è stato di recente un gruppo di ticinesi con le sue valigie cariche di abiti e farmaci, ma anche di giochi e materiale scolastico. Il drappello di volontari dell’Associazione ‘Solidarietà con i bambini del Congo - RDC’, con sede a Caneggio, ha potuto toccare con mano bisogni e speranze. Nella realtà della regione del Kwilu l’Associazione, nata nel 1989, opera infatti con slancio e su diversi fronti: dall’aiuto all’infanzia e all’istruzione alla nutrizione, la sanità e il sostegno a donne sole e mamme.

Destinazione Djuma

A Djuma, a inizio luglio, ad attendere con trepidazione l’arrivo della spedizione ticinese c’erano infatti 80 bambini e ragazzi (sino a 16 anni) del centinaio che d’abitudine vive nell’orfanotrofio. Sbarcati a Kinshasa, i volontari sono giunti a destinazione dopo un viaggio lungo e avventuroso, a bordo di un fuoristrada prima e del traghetto locale poi. A quel punto, ci raccontano, «bambini entusiasti ci sono corsi incontro. Ci hanno emozionati con i loro canti e la loro accoglienza. Per alcuni di noi era un rivedersi, per altri era tutta una scoperta».

Una colonia diversa

Ben presto il gruppo di ticinesi si è reso conto che una colonia africana è un po’ diversa da quella di casa nostra. «Ci si adatta ai loro ritmi e si seguono le loro attività quotidiane, come raccogliere la legna per cucinare o andare alla sorgente, a circa un chilometro dall’orfanotrofio, a prendere l’acqua da bere», ci spiegano. Nel corso del soggiorno, affiancati dagli adolescenti orfani del Foyer Karibu di Kikwit (preziosi interpreti con i più piccoli che parlano solo il kikongo), i volontari hanno coinvolto i ragazzi nelle varie attività quotidiane: giochi, canti, racconti, momenti di disegno, pittura e bricolage. «Poi, verso sera, li portavamo all’amatissima Mabaya: una pozza d’acqua dove si fa il bagno e ci si lava con le saponette profumate».

In Africa può spiazzare la felicità sui volti dei bambini, sorpresi dal ricevere vestiti nuovi, cappellini e palloni. Anche se in verità, confidano i volontari dell’Associazione, ciò che apprezzano di più è «il tempo che trascorriamo con loro, le attenzioni e l’amore che cerchiamo di donare in grande quantità. E di cui siamo ripagati. Quelle trascorse in Congo sono state tre settimane intense, ricche di pensieri, divertimento, lavoro, sorrisi, semplicità e amore».

I progetti in attesa

La presenza ticinese all’orfanotrofio ha permesso altresì a soeur Denise, la responsabile, di avere braccia in più per portare avanti i lavori di ristrutturazione di cui la struttura aveva necessità. Del resto, come fa sapere ‘Solidarietà con i bambini del Congo - RDC’, sono numerosi i progetti che attendono di essere condotti in porto e che la mancanza di tempo e di fondi sta rallentando. Nelle intenzioni vi è l’idea di rimettere in funzione il mulino per macinare la manioca e il mais, di riverniciare le camere dei più piccoli e di cambiare il tetto nei dormitori dei grandi.

Due momenti di incontro

Per condividere la recente esperienza a Djuma e parlare del lavoro dell’Associazione, nel Mendrisiotto saranno organizzati due momenti di incontro. Il primo è previsto giovedì, alle 20, al Centro sociale di Vacallo; il secondo è annunciato, alla stessa ora, per venerdì nella sala del Consiglio comunale di Stabio. Uscendo dai confini del Distretto, domenica prossima, a Corzoneso, in Valle di Blenio dalle 12.30 sarà proposta invece la venticinquesima ‘Festa della Solidarietà’. L’Associazione, del resto, ha bisogno del sostegno di tutti. Chi volesse saperne di più e dare un sostegno fattivo può consultare il sito www.solidarietabimbicongo.org.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
57 min
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
1 ora
Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni
Scattano le manette per una 36enne e un 40enne. Impietosivano le loro vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
1 ora
Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato
Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
2 ore
In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi
I posti letto occupati da pazienti Covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
3 ore
Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio
Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Luganese
3 ore
Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale
La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
3 ore
‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa
Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Luganese
7 ore
Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità
La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
10 ore
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
10 ore
Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione
I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
© Regiopress, All rights reserved