laRegione
laR
 
24.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:04

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze

di Malva Cometta
a-stabio-i-giovani-aiutano-a-trovare-casa-al-loro-spazio
Ti-Press
La sede provvisoria non ha frenato l’entusiasmo

La speranza per il Centro Giovani di Stabio, in aggiunta alla fine delle problematiche riguardo alla pandemia, è quella di riuscire a trovare una nuova struttura adatta ad accogliere i giovani con le loro proposte e attività. Lo spazio giovani a oggi è un prefabbricato, nato come soluzione provvisoria, che per quanto sia stato reso accogliente, non dispone dello spazio sufficiente. L’obiettivo è quello di trovare una sede vicino alle scuole e al centro del paese – seppur non in una zona troppo abitata – affinché tutti possano conoscerlo e raggiungerlo con facilità. Per il Municipio è un traguardo comune. A questo proposito ha convocato una Commissione giovani a sostegno del Comune che ha portato delle proposte di appello anche attraverso i social media.

Il centro compie 19 anni

Sono passati 19 anni da quando il Comune di Stabio ha aperto l’Ufficio per le attività giovanili che si è poi trasformato nell’attuale Centro Giovani. Da allora ha accolto centinaia e centinaia di ragazzi diventando un vero e proprio luogo di incontro e di gestione del tempo libero in cui fermarsi per svagarsi, divertirsi, instaurare amicizie e raccontarsi, seguiti da una figura adulta e professionale. In tutti questi anni il Centro, gestito dall’animatrice sociale ed educatrice Carla Monachesi Schneider, ha dato grande importanza alle esigenze dei giovani fra i 12 e i 18 anni, permettendo loro di proporre attività e donando loro i mezzi e il sostegno per poterle realizzare.

La filosofia del Centro è proprio quella di lasciare libertà di scelta, senza pianificare un calendario, seguendo le richieste del momento. Le attività nascono in maniera estemporanea: «Una sera si fa il karaoke, si ascolta musica, si balla, si sta in silenzio, si parla di argomenti importanti, si guarda un film, si gioca» spiega l’animatrice. È uno spazio che insegna la convivenza, la condivisione, lo spirito collaborativo e il rispetto reciproco, «si tratta di un’educazione informale che partendo dai gesti quotidiani cerca di insegnare una serie di valori». Tra le proposte più frequenti c’è quella di cucinare. Lo spazio dispone di una cucina pensata affinché si possa lavorare insieme coinvolgendo tutti. Oltre alla cucina, c’è una zona divani, un tavolone conviviale, un footbalino, uno spazio esterno con gazebo e dei divanetti colorati.

Maggiore affluenza tra i più grandi

La fascia di età che frequenta di più il centro è quella dai 14 ai 16 anni, ovvero i ragazzi che sono in quarta media.
«L’ultimo anno è il momento in cui sentono più il bisogno di uno spazio loro in cui esprimersi e hanno solitamente meno impegni rispetto a quelli di prima e seconda», prosegue l’animatrice. In passato ci sono stati casi in cui i giovani hanno proposto e organizzato eventi musicali che hanno avuto molto seguito: «In particolare ricordo dei contest di musica hip-hop e rap che si svolgevano nelle palestre delle scuole medie di Stabio e arrivavano dalle 200 alle 300 persone. L’organizzazione era stata fatta da 40 a 60 ragazzi che hanno avuto modo di imparare a creare un evento, tenendo conto di tutti gli aspetti legati alla sicurezza, all’impianto elettrico, al palco, alla musica e a come si contratta con i gruppi. Hanno proprio preso in mano l’organizzazione dei concerti nelle palestre, invitando artisti dall’America, dalla Francia, dall’Italia e dalla Svizzera interna e sono andati avanti per molti anni», racconta Monachesi Schneider.

Un’altra importante attività che è stata proposta dal Centro per due anni consecutivi, con l’aiuto di un’agenzia multimediale, è Mysteria che consiste in un gioco multimediale in cui veniva utilizzata la realtà virtuale grazie all’uso dei cellulari e di applicazioni, «bisognava inquadrare dei disegni fatti apposta e questo attivava un racconto o un filmato con degli indizi, era una sorta di caccia al tesoro che portava a scoprire il territorio, la storia e i luoghi più importanti di Stabio».

Le attività cambiano con i gruppi

I cambiamenti di attività e di proposte sono dovuti al cambio generazionale ma in particolare a seconda delle varie compagnie che frequentano il Centro, «c’erano gruppi che guardavano solo film, altri che amavano cucinare, alcuni erano interessati ad attività più manuali e creative. Cambia molto in base al gruppo che partecipa e bisogna essere elastici». L’elasticità, la capacità di instaurare un rapporto di fiducia e rispetto con i giovani e un’attitudine energica sono le qualità che un animatore e un’animatrice devono avere, oltre alla formazione in ambito sociale, per poter gestire il Centro, che attualmente ha aperto il concorso per questa posizione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
4 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
5 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
6 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
6 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
6 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
7 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
7 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
8 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
9 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved