laRegione
sparisce-il-cellulare-al-centro-d-asilo-scoppia-la-rissa
Serata movimentata a Pasture
06.01.22 - 09:00
Aggiornamento : 17:02

Sparisce il cellulare. Al Centro d’asilo scoppia la rissa

Nella zuffa mercoledì sera sono rimaste coinvolte quaranta persone. Intervento massiccio di agenti di polizia

Un telefono cellulare sparito nel nulla. È stata questa, con tutta probabilità, la scintilla che ha innescato la miccia della rissa scoppiata, mercoledì sera, dentro le mura del Centro federale d’asilo a Pasture, fra Balerna e Novazzano. Tutto, verso le 19.30, è nato in effetti da un litigio, all’apparenza futile, per il presunto furto di uno smartphone. Ben presto, però, l’alterco si è esteso a macchia d’olio coinvolgendo due vere e proprie fazioni: da una parte una ventina di richiedenti l’asilo afghani, dall’altra altrettanti cittadini provenienti dal Maghreb.

Subito, da prassi, è scattato il dispositivo di sicurezza che ha portato sul posto una massiccia presenza di agenti di polizia – si parla di una trentina di uomini –, al fine di separare i contendenti e sedare il tafferuglio che aveva preso dimensioni importanti. Da nostre informazioni alla vista dei poliziotti alcuni richiedenti avrebbero tentato di uscire dall’edificio e di fuggire verso l’area ferroviaria circostante, scavalcando la recinzione.

Nessuno in quei momenti concitati è rimasto comunque ferito in modo grave, né fra gli ospiti, né tra le forze dell’ordine. La calma al Centro è ritornata dopo un paio di ore, verso le 22.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro federale d'asilo pasture rissa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
24 min
In Ticino nessun morto di Covid da quasi una settimana
L’ultimo decesso segnalato risale a martedi 17 maggio. Calano ancora i pazienti Covid e i contagi
Mendrisiotto
2 ore
I Comuni serrano i ranghi contro la corsia per i Tir sull’A2
Coldrerio convoca i vicini per definire una strategia congiunta. Lurati, Crtm: ‘Adesso serve un’azione di protesta’
Ticino
5 ore
Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi
Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
5 ore
Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca
Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
15 ore
Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo
Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Ticino
17 ore
Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero
Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
17 ore
È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc
Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Luganese
19 ore
Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno
Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Locarnese
19 ore
Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’
Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
19 ore
Molestie all’Unitas, assemblea tesa
Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
© Regiopress, All rights reserved