laRegione
esplorando-i-paesaggi-dall-esilio
Applausi
laR
 
22.12.21 - 05:30
Aggiornamento : 14:26

Esplorando i ‘Paesaggi dall’esilio’

Gli studenti di Lavoro sociale della Supsi e Club ’74 fianco a fianco in una performance alla Pinacoteca Züst per parlare di disagio psichico

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Guardando le opere alle pareti della Pinacoteca Züst è facile sentirsi a casa. I paesaggi ritratti ci arrivano da un Ticino a cavallo tra la metà dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, ma la loro fisionomia è famigliare e rassicurante come non mai. Eppure non sempre ci si riconosce in ciò che più conosciamo. Disagio, solitudine, diversità, malattia possono infatti portare lontano. E il rischio di perdersi è a un passo da noi. Oltre la soglia dello spazio museale cantonale a Rancate ci prendono per mano: è l‘inizio di un viaggio attraverso la mostra - ’L’incanto del paesaggio’, in allestimento fino al 25 aprile prossimo - e dentro noi stessi. Sia chiaro, non ci sarà risparmiato nulla. Le parole pronunciate vanno in profondità, a tratti risultano persino taglienti e dolorose. Gli allievi di Lavoro sociale della Supsi - accompagnati dagli studenti del Conservatorio della Svizzera italiana con pagine musicali coinvolgenti - danno voce con partecipazione alle esistenze di chi ha attraversato il disagio psichico e al contempo all’esperienza dei curanti. Ed è così che ci si ritrova immersi in una performance che grazie al linguaggio dell’arte - teatrale e musicale - va dritta al punto e mostra i nervi scoperti di questa nostra società. Ecco che il filo rosso della narrazione è quello degli esili della vita a cui tutti siamo esposti, senza distinzione. Il tema, insomma, non può non interrogarci.

Esperimento di empatia

Non è la prima volta, d’altra parte, che il Club ‘74 - qui affiancato da Pro mente sana e Ingrado - sperimenta, percorrendo anche le vie meno agevoli per portare alla luce la realtà del disagio psichico. E anche in questa esperienza l’Associazione con finalità socioterapeutiche, relazionali e inclusive (con sede all’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale a Mendrisio) ha colto nel segno, riuscendo quasi a travolgere di emozioni i presenti alla Züst. In alcuni momenti della vita, del resto, siamo un po’ tutti degli esiliati. Disagi e fragilità non sono solo un affare degli altri. In effetti, quella che ci avvolge è una vera “immersione sensoriale e poetica”: negli intenti delle tante persone che vi hanno lavorato con dedizione - davanti e dietro le quinte virtuali - lo scopo era proprio questo. Neanche le mascherine - presidio obbligato in questi tempi di Covid-19 - trattengono infatti i sentimenti del pubblico diviso in gruppetti. Pubblico che, di fatto, diventa parte integrante della performance. Come si può, d’altro canto, mantenere le distanze da tematiche tanto sensibili?

Nel giornale pubblicato a corredo dell’esperienza ci imbattiamo nelle riflessioni dei protagonisti che hanno condiviso questo momento e che ci ricordano quanto sia "importante non essere indifferenti verso chi sta vivendo una condizione di disagio, soprattutto di questi tempi che ci vedono esposti a particolari difficoltà nell’integrare, ma soprattutto includere, le persone più vulnerabili. Crediamo - si scandisce - che solo passando attraverso processi inclusivi possiamo dare alla società che abitiamo una dimensione più completa”.

Sulle tracce di Maria Zambrano

In questo nostro viaggio insolito tra le sale della Pinacoteca vengono in aiuto anche i pensieri della filosofa spagnola Maria Zambrano, che un po’ come Virgilio guida i partecipanti attraverso vari paesaggi, lei costretta dal regime franchista di “esilio in esilio“. Le sue parole riaffiorano sulle labbra di una performer: in fondo, ci richiama, siamo "figli dei nostri sogni”. Solitudine e sradicamento così come una vita vissuta ai margini, però, per alcuni declinano disagi e patimenti. Ciascuno di noi, scrive Lorenzo Pezzoli, responsabile del modulo ’Metodi e tecniche di intervento col disagio psichico, può essere chiamato ad attraversare la condizione dell’esilio durante la sua esistenza. Una condizione dalle "fattezze a volte imprevedibili con risvolti che possono essere drammatici e talvolta sconosciuti capaci di generare situazioni di particolare sofferenza”. A tal punto, come emerso dalle interviste all’origine della rappresentazione, da percepire l’ospedale come un rifugio sicuro.

E allora per lasciare l’esilio e uscire dall’isolamento si può arrivare, come la pensatrice iberica, a considerare l’esilio stesso una “vera patria”. Ma si può tornare là dove si era partiti? In questi giorni di pandemia lo vorrebbero tutti. E comunque ci si può provare. E qui ancora Pezzoli dà alcune avvertenze: “Ma il ritorno dall’esilio, così come il ritorno da qualsiasi condizione di espulsione che la vita fa incontrare - annota -, porta con sé una nuova e più complessa conoscenza: conoscenza di sé, delle relazioni, del mondo…”. E tocca farsi trovare pronti. Essere parte di questa ‘Site specific performance’ ha dato modo di compiere qualche passo verso l’altro e l’altrove.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
club '74 disagio psichico esilio supsi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia
Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
5 ore
Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche
Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
5 ore
Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio
All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
6 ore
Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute
Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Ticino
7 ore
Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’
Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Ticino
7 ore
‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’
Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Luganese
8 ore
Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica
La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Ticino
8 ore
‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’
Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
Luganese
10 ore
Omicidio Cantoreggi in Appello, per l’accusa è stato assassinio
La pp Tuoni ha richiesto 17 anni di carcere per il 35enne austriaco. La difesa: i ricorsi sono da respingere. Attimi di tensione fuori dall’aula
Mendrisiotto
10 ore
A Mendrisio il Ppd rilancia: ‘Dimezziamo i dicasteri’
In una interrogazione il gruppo mette sul tavolo la proposta, alternativa a tagli e aumento del moltiplicatore
© Regiopress, All rights reserved