laRegione
06.12.21 - 18:07
Aggiornamento: 19:36

‘I camion devono restare nel Mendrisiotto’

Simonetta Sommaruga risponde a Marco Romano. ‘Spostare più a nord l’attesa dei veicoli pesanti non è la soluzione adeguata’. Delusione del Distretto.

Ats, a cura de laRegione e Giacomo Agosta
i-camion-devono-restare-nel-mendrisiotto
Archivio Ti-Press
Fermi a Balerna

Quella delle colonne di veicoli pesanti nel Mendrisiotto è un problema di cui si continuerà a parlare anche nei prossimi mesi, questo nonostante le affermazioni odierne di Simonetta Sommaruga. “Spostare più a nord, per esempio nel Luganese, i veicoli pesanti che attualmente sostano sulla corsia di emergenza dell’autostrada A2 tra Mendrisio e Chiasso non è la soluzione adeguata”, ha affermato la consigliera federale al Nazionale, durante l’ora delle domande rispondendo a un quesito di Marco Romano (Centro/Ti). Nella sua domanda, il parlamentare ticinese si faceva portavoce delle preoccupazioni dei Comuni del Mendrisiotto, contrari al progetto dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) che prevede la realizzazione di una “corsia riservata” per i camion in prossimità del valico di Chiasso-Brogeda (A2), in pratica un parcheggio sul sedime autostradale. Romano si chiedeva per quale motivo il traffico pesante non viene gestito più a nord evitando di pesare su di un Distretto già praticamente al collasso per quanto riguarda il traffico viario. Oggi, in aula, Sommaruga ha spiegato che una soluzione lungo la piana del Vedeggio non è opportuna poiché “andrebbe a penalizzare ulteriormente il sovraccarico di quel tratto dell’A2 e non permetterebbe di accogliere quei veicoli che accedono dagli svincoli autostradali ubicati più a sud”. Inoltre, secondo la consigliera federale, il blocco dei veicoli pesanti a nord di Mendrisio “andrebbe a precludere anche il funzionamento della dogana di Stabio, che contribuisce anch’essa ad alleggerire i transiti dei veicoli pesanti verso Chiasso”. Secondo Sommaruga, “grazie all’apertura del centro di controllo dei veicoli pesanti di Giornico, prevista per la fine del 2022, e al costante trasferimento dei transiti dei veicoli pesanti attraverso le Alpi dalla strada alla ferrovia, il flusso di questi ultimi verso sud è destinato a diminuire”. A suo avviso, “ciò ridurrà in futuro anche l’impatto ambientale nel Mendrisiotto”. Una serie di risposte che ha subito sollevato diverse perplessità tra chi si è attivato in prima persona negli anni per combattere il problema dell’inquinamento nella regione a ridosso del confine più a sud della Svizzera.

‘Non cambiamo idea’

Oltre alle domande poste da Romano al Consiglio federale, sono stati infatti diversi i quesiti che la politica ha sollevato sul tema negli ultimi mesi. Tra questi anche due interpellanze comunali, a Mendrisio e a Chiasso, chiedevano lumi sulla gestione del traffico e dello smistamento dei veicoli pesanti lungo l’autostrada e alla dogana di Brogeda. A farsi promotrici di un malcontento popolare diffuse erano state le due sezioni cittadine del Plr. «Queste risposte sono la dimostrazione di quanto la nostra regione sia ascoltata e considerata a Berna», afferma il capogruppo in consiglio comunale Luca Bacciarini. Dello stesso avviso anche il suo omologo Vincenzo Crimaldi: «Che ci sarà un afflusso minore grazie all’area di stoccaggio a Giornico è tutto da dimostrare. Noi rimaniamo convinti della nostra idea e andremo avanti su questa linea. L’atteggiamento di Ustra non ci sembra adeguato». Ma cosa fare quindi? «Ora è auspicabile che sia il Cantone a intervenire, facendosi portavoce dell’idea che è condivisa da tutto il Distretto. Meritiamo più ascolto».

Leggi anche:

Colonne di Tir sull’A2, il tema rimbalza a Berna

Camion in fila sull'A2, anche a Mendrisio c'è preoccupazione

Tir in colonna verso Brogeda: per Chiasso 'triplice disagio'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
10 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
14 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
14 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
14 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
22 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
23 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
23 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved