laRegione
30.11.21 - 12:19
Aggiornamento: 17:18

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale

chiasso-le-ferie-natalizie-saranno-sul-ghiaccio
Oggi la pista si presenta così (Ti-Press/Elia Bianchi)

«Faremo le ferie natalizie sul ghiaccio». Le parole del responsabile dell’Ufficio tecnico di Chiasso Rudy Cereghetti portano buone notizie per gli amanti degli sport invernali: il guasto alla pista del ghiaccio cittadina è stato identificato e, entro questa sera, sarà riparato. Da domani inizieranno i lavori per riportare la situazione alla normalità e riformare il ghiaccio. «A oggi è ancora difficile fare previsioni esatte sul giorno della riapertura – spiega Cereghetti –. La stessa avverrà in ogni caso prima di Natale». I tecnici specializzati sono arrivati ieri a Chiasso e hanno esaminato l’impianto, chiuso da ormai un paio di settimane a causa di un guasto tecnico nel sistema di distribuzione di CO2. «Le operazione di idrodemolizione, ovvero l’utilizzo di acqua ad altissima pressione per demolire il calcestruzzo, hanno permesso di identificare il danno che era subito all’imbocco della serpentina del cemento». Un guasto unico (e non localizzato in tre punti differenti come inizialmente ipotizzato), aggiunge ancora il capotecnico, dovuto alla corrosione del ferro. «Un problema noto agli specialisti che sono intervenuti, che hanno molte referenze a livello svizzero. Non si tratta di usura perché il sistema di raffreddamento ha circa 20 anni, un’età non eccessiva per un impianto del genere».

Società sportive e atleti – ma anche il pubblico «dal quale stavamo avendo un bel riscontro», conclude Rudy Cereghetti – dovranno avere ancora qualche giorno di pazienza, ma la situazione è destinata a tornare alla normalità. Intanto le società – hockey, pattinaggio, curling e amatori – si stanno organizzando per trovare spazio nelle altre strutture ticinesi. Il Club di pattinaggio ha anche chiesto un sostegno alla popolazione, facendosi promotore di una raccolta fondi. Anche la politica cittadina si è mossa: il Ppd ha presentato un’interrogazione chiedendo al Municipio di pensare un sussidio straordinario per le società sportive.

Leggi anche:

Martedì i tecnici al capezzale della pista di ghiaccio

Chiasso, pista di ghiaccio chiusa per un guasto tecnico

Chiasso, il Club Pattinaggio chiede un sostegno economico

Pista di ghiaccio chiusa a Chiasso: sussidio per le società?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
20 min
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 ora
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 ora
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 ora
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
2 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
3 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
3 ore
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
3 ore
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
8 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
10 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
© Regiopress, All rights reserved