laRegione
laR
 
14.05.21 - 20:23

Nessuna intesa sul destino della masseria di Vigino

Il progetto privato sostenuto da Castel San Pietro e dall'Ente regionale per lo sviluppo non ha fatto breccia. E ora si teme per il futuro dell'edificio

nessuna-intesa-sul-destino-della-masseria-di-vigino
Era così già nel 2009 (Ti-Press)

Che ne sarà della masseria di Vigino, a Castel San Pietro? L'interrogativo appare legittimo, oggi più che mai. Un'alternativa per garantirsi il recupero e la tutela dell'antica testimonianza rurale del Mendrisiotto, infatti, c'era e aveva preso forma e sostanza in questi ultimi due anni. Tanto da entrare nella sfera di attenzione dell'Ente regionale per lo sviluppo (Ers) e da chiedere una decisione da parte del Cantone. Il progetto, firmato da privati - pronti a costituire una Fondazione senza scopo di lucro -, non sembra, però, aver fatto breccia. Lo si intuisce fra le righe della risposta dello stesso Consiglio di Stato (CdS), sollecitato da un atto parlamentare interpartitico (primo firmatario Nicola Schoenenberger), che lascia poco margine a un lieto fine. "Purtroppo - scrive il governo -, a tutt'oggi, non è ancora maturata un'intesa". Un epilogo che nella regione lascia l'amaro in bocca.

Confermato il contributo, ma niente accordo

Eppure l'interesse ad acquistare e ristrutturare la masseria era staro dichiarato, fin dal 2018, conquistando, come riconosce il Cantone, il sostegno del Comune di Castello e dell'Ente. Ma soprattutto, come dà atto il CdS, "i contenuti del progetto, così come le modalità di intervento, rispecchiavano quanto previsto dal Piano regolatore e le esigenze di rispetto del monumento protetto in base alla Legge sulla protezione dei beni culturali". A tal punto da spingere l'autorità cantonale a confermare, "anche a favore di detta Fondazione privata interessata", un contributo "equivalente a quello che a suo tempo avrebbe garantito a favore degli attori pubblici, quando essi avevano intenzione di assumere direttamente l'esecuzione degli interventi di valorizzazione". Allora, viene da domandarsi, cosa non ha funzionato? Dalle parole del governo non emerge.

Lo stato dell'arte

Un dato è certo: lo stato di abbandono nel quale si trova Vigino chiama un intervento risolutivo, pena anche la perdita della masseria o comunque il degrado della struttura. Quanto alle cifre in gioco, pure quelle sono chiare da tempo. Si è sempre parlato di un investimento globale stimato in 8 milioni di franchi e di un sostegno cantonale di un milione e mezzo nel solco della politica economica regionale.  Ecco che, naufragata la possibilità di condurre in porto una operazione pubblica - sul tavolo le basi pianificatorie e un progetto selezionato da un concorso di architettura lanciato dall'Ers -, la soluzione proposta dai privati a livello locale era parsa come un'ancòra di salvezza. E questo proprio perché, come ripercorre il CdS, le premesse organizzative e finanziarie della prima iniziativa non si erano avverate.

Sono 21 in totale gli edifici meritevoli

Così, mentre il Distretto attendeva un cenno da Palazzo delle Orsoline, il Cantone ha rimesso il dossier sulla salvaguardia dei beni culturali (masserie incluse) nelle mani dei Municipi. Autorità comunali alle quali non mancherà il lavoro. In effetti, sulla base del rapporto dell'Ufficio beni culturali sulle masserie del Mendrisiotto e Basso Ceresio e a seguito dell'esame della Commissione dei beni culturali oggi si sa che vi sono 34 edifici "storicamente e architettonicamente interessanti" e inseriti "in un contesto paesaggistico meritevole". In questo elenco, come riferisce il Cantone, 13 beni sono già tutelati, gli altri 21 meritano di esserlo. Anche se il rapporto, messo a disposizione dei Comuni, costituisce un "documento di lavoro interno" ma non ha ricevuto un sigillo politico: a oggi "non è stato sottoposto ad approvazione del Consiglio di Stato". Di conseguenza, adesso tocca ai singoli esecutivi interessati, si fa capire, mettere mano all'Inventario dei beni culturali.

Leggi anche:

Si teme per il destino della masseria di Vigino

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
5 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
6 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
7 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
9 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
9 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
9 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
10 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
11 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
13 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved