laRegione
07.05.21 - 16:06
Aggiornamento: 17:40

Meno di 60 consiglieri a Mendrisio? Il Municipio boccia l'idea

A cinque anni di distanza la proposta bis di Massimiliano Robbiani non fa breccia. Divise anche le Petizioni

meno-di-60-consiglieri-a-mendrisio-il-municipio-boccia-l-idea
'Questione di rappresentatività' (Ti-Press)

Per la seconda volta a distanza di cinque anni il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) si è visto rispondere di 'no'. Il Municipio di Mendrisio - e prima di lui la maggioranza della Commissione delle petizioni - non vede di buon occhio, infatti, la riduzione da 60 a 45 del numero di consiglieri comunali, e di pari passo la contrazione dei membri delle Commissioni permanenti e speciali (da 11 a 9). L'argomentazione più forte? Per l'esecutivo ne va della rappresentatività di una Città oggi composta da dieci Quartieri. Sotto i riflettori, di nuovo, due articoli del Regolamento comunale: l'articolo 6 (al capoverso uno) e l'articolo 38 (al capoverso uno).

'Questione di equità'

C'è la questione della difficoltà di trovare candidati alle elezioni, superabile per l'esecutivo cittadino. Ma soprattutto vi è il rischio - se la mozione firmata dal consigliere della Lega venisse accolta - di veder "disatteso uno degli obiettivi strategici" di Mendrisio. Mantenere statu quo (e i 60 rappresentanti eletti) significa, ribadisce l'autorità comunale nel messaggio che accompagna la proposta, "permettere un’equa rappresentatività dei Quartieri, che potrebbe invece essere messa in discussione con una diminuzione a 45 membri".

Non si discosta dal pensiero dell'esecutivo, la maggioranza delle Petizioni, convinta che l'eterogenità del legislativo, o meglio, di "tutte le realtà della Città", sia un "fattore imprescindibile". Al contempo, anche la diminuzione dei commissari, si osserva,"non porterebbe a una accelerazione dei tempi di decisione, poiché comunque dipendenti dall’iter burocratico della politica".

'C'è disaffezione'

Vi è poi, come detto, l'argomentazione sollevata da Robbiani già nel 2016, che punta dritta alla "disaffezione da parte dei cittadini di partecipare in prima persona e mettersi a disposizione per la cosa pubblica". Il che, si corrobora, mette in difficoltà i gruppi politici di Mendrisio nella ricerca di candidati per le elezioni comunali. Ecco che per il consigliere rivedere l'assetto consiliare permetterà di "dare una maggior concretezza e dinamicità al legislativo", senza trascurare il risparmio legato alle diarie. A dar man forte a Robbiani c'è la minoranza delle Petizioni (per voce, quali firmatari, di Fabrizio Visparelli e Simona Rossini, colleghi di partito di Robbiani) propensa a dare l'opportunità "di rinnovare il legislativo con dei candidati più motivati e meno assenteisti, garantendo comunque la ripartizione tra Quartieri". L'attenzione va, una volta di più, sul "progressivo e costante aumento dei cittadini che si astengono dal voto, la disaffezione verso i partiti storici e una insofferenza verso un modo ormai obsoleto di gestire la politica".

Sulle candidature c'è 'autonomia'

Non la vede così, per contro, la maggioranza delle Petizioni (il cui rapporto a febbraio è stato firmato da Alessandro Polo, Ppd), che non concorda, come si ricorda nel messaggio municipale, "sulla difficoltà dei gruppi politici di trovare persone che siano disposte a candidarsi per i poteri comunali". Anche perché, segnalano, "non vi è un obbligo legale che imponga il numero di candidati da proporre per il rinnovo del legislativo; pertanto i partiti politici possono decidere in merito in modo autonomo" il numero di candidati da presentare alle urne. Tanto più, si rilancia, che "la domanda di ridurre i membri porterebbe all’esclusione di alcuni consiglieri comunali residenti nei Quartieri più piccoli".

Chiarite posizioni e schieramenti, adesso toccherà al neo eletto Consiglio comunale dire la sua sulla mozione Robbiani. Legislativo che siederà per la prima volta tra i banchi per la sua seduta costitutiva il prossimo 17 maggio. Nel 2017 l'aula consiliare posta di fronte alla stessa proposta, l'aveva bocciata.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
13 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
13 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
15 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
16 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
16 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved