laRegione
07.01.20 - 06:00
Aggiornamento: 11:52

Chiasso, spostiamo la A2 nella collina del Penz

Da un lavoro di Master ecco l’idea svelata ieri dal sindaco: inserire l’autostrada all’interno della collina e 'liberare' lo spazio ora occupato dall'asfalto

di Stefano Lippmann
chiasso-spostiamo-la-a2-nella-collina-del-penz

L’argomento di discussione, ieri al Cinema Teatro di Chiasso, il sindaco Bruno Arrigoni l’ha sicuramente lanciato. Durante la tradizionale cerimonia di scambio degli auguri con la popolazione (oltre al ricevimento dei 18enni e alla premiazione dei migliori sportivi), infatti, non è mancato il ‘coup de théâtre’, Nella Chiasso di domani si vorrebbe che non ci fosse più l’autostrada. O meglio, che questa venga nascosta sotto la collina del Penz. Utopia? Nient’affatto, almeno sulla carta. Lo ha spiegato proprio il sindaco durante il discorso di inizio anno quello, per intenderci, dove si analizza quanto fatto durante l’anno, si evidenziano gli investimenti futuri, si ricordano le azioni politiche e i traguardi raggiunti. Come pure i fattori ‘negativi’, sempre più spesso – non per volontà – accomunati alla perdita di posti di lavoro o alla diminuzione della popolazione (vedi sotto). Di fronte a tutte queste tematiche, a catalizzare l’attenzione (con tanto di slide con mappe, render e progetto) è stata però l’autostrada, i cui lavori di costruzione sono iniziati, proprio nella cittadina, nel 1962. Perché ora non pensare a ‘nasconderla’? L’idea, ribadisce il sindaco, è seria, seppur ammetta che «forse rimarrà solo un sogno» o «forse la realizzazione la vedranno i nostri nipoti». Fatto sta che uno studio esiste ed è stato allestito dalla giovane architetta di Zurigo Elena Fontana. Architetto che ha fatto di questo progetto il suo lavoro di Master in pianificazione territoriale all’Eth della città sulla Limmat. Ebbene, l’A2 verrebbe spostata, come detto, sotto la collina del Penz, in una galleria di circa 4 chilometri. Le dogane autostradali, invece, verrebbero ‘scisse’: quella svizzera idealmente prima di via Passeggiata, quella italiana a Monte Olimpino. «Abbiamo organizzato un incontro con i Comuni vicini di Vacallo, Novazzano e Balerna – ha commentato Arrigoni –. E alla fine della presentazione ci siamo detti che poteva essere un’idea geniale». Resta da capire, ora, quali passi si vogliano intraprendere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’
Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
1 ora
Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione
Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Ticino
2 ore
Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì
Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Ticino
2 ore
Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa
Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Ticino
3 ore
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
4 ore
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
4 ore
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
4 ore
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
4 ore
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
12 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
© Regiopress, All rights reserved