laRegione
Gli edifici dismessi alla stazione FFS dove sorgerà la futura sede della Scuola di moda e ’abbigliamento (foto Ti-Press)
Mendrisiotto
23.05.18 - 15:000
Aggiornamento 15:24

Credito da 7,6 milioni per la nuova 'scuola della moda'

Il Governo ha approvato il messaggio per l’acquisizione del terreno al comparto Ffs a Chiasso dove sorgerà il Centro professionale tecnico del tessile

Il Consiglio di Stato ha approvato il messaggio che propone lo stanziamento di un credito di 7.6 milioni di franchi per l’acquisizione del terreno presso il comparto stazione FFS a Chiasso, così come per il concorso di architettura e la progettazione della futura sede del Centro professionale tecnico del settore tessile.

Alla spesa complessiva, che ammonta a 8 milioni di franchi, parteciperà anche il Comune di Chiasso con un contributo di 400'000 franchi. L’acquisizione del terreno presso il comparto stazione FFS a Chiasso costituisce il tassello fondamentale in vista della realizzazione di un nuovo polo logistico per il futuro Centro professionale tecnico del settore tessile (CPT del settore tessile), comprendente la Scuola d’arti e mestieri (SAM) di sartoria e la Scuola specializzata superiore (SSS) di abbigliamento e design della moda. Il progetto, che s’inserisce nell’ambiziosa proposta di riqualifica del comparto stazione FFS, è sostenuto con convinzione anche dal Municipio cittadino, che parteciperà all’investimento con un contributo pari a 400'000 franchi.

Il fabbisogno finanziario complessivo ammonta a 8 milioni di franchi, di cui 7.6 sono a carico del Cantone. L’obiettivo è quello di riunire sotto lo stesso tetto le scuole professionali orientate al settore della moda-abbigliamento e del tessile, creando un luogo dove il dinamismo e i repentini tempi della moda incontrino la tradizione e il saper fare e dove studio e formazione possano amalgamarsi con la realtà del mondo del lavoro. Oltre ai contenuti scolastici, verranno anche realizzati 225 posteggi in Park&Rail.

Attualmente il CPT del settore tessile è ubicato a Lugano-Viganello, in stabili separati e ormai non più aderenti alle attuali esigenze. Il suo spostamento rappresenta una soluzione definitiva che consente di consolidare e di creare un vero e proprio Centro di competenza nel settore della moda nel Mendrisiotto, in una regione che da un punto di vista economico e strategico viene definita da tempo come la “Fashion Valley” del Ticino. Inoltre, il suo collocamento nei pressi della stazione ferroviaria, un luogo facilmente accessibile con i mezzi pubblici, ottimamente servito e in prossimità del centro cittadino, rappresenta una soluzione coerente con la necessità di promuovere una mobilità sostenibile.

Per quanto concerne le tempistiche, una volta soddisfatte le condizioni pianificatorie, si prevede di poter organizzare il concorso di architettura nell’arco del prossimo anno; la realizzazione dell’opera (scuola e Park&Ride), secondo le stime attuali che dovranno essere confermate nell’ambito di un successivo messaggio relativo alla richiesta dei crediti di costruzione, comporterà un investimento complessivo di circa 45 milioni di franchi. Si prevede di consegnare la stessa entro il 2025/26.

Con l’approvazione di questo messaggio governativo sono create le premesse per poter riattivare, previa approvazione di una variante di piano regolatore, il progetto per la realizzazione delle nuove aule speciali della scuola media di Chiasso.

Tags
franchi
tessile
scuola
moda
centro
chiasso
comparto
stazione
ffs
settore tessile
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved