laRegione
piu-vicini-ai-giovani-grazie-a-un-furgone-rosso
On the road (foto Ti-Press/B. Galli)
Mendrisiotto
12.05.18 - 06:100

Più vicini ai giovani grazie a un furgone rosso

Da febbraio gli operatori di prossimità del servizio regionale incontrano i ragazzi sul territorio. E l'idea sta piacendo

Ancora non gli hanno dato un nome. Oggi basta, però, il suo colore rosso acceso a renderlo riconoscibile. Adesso i ragazzi sanno che c’è: è solo un furgone, ma è lì per loro. Due, per ora, gli appuntamenti fissi: il lunedì pomeriggio a Mendrisio, il giovedì a Chiasso. Gli operatori di prossimità del servizio regionale si sono, infatti, messi al volante e da febbraio macinano chilometri sulle strade del distretto. In Ticino l’iniziativa non è nuova: qui a sud hanno cercato di riproporla a misura di territorio. Ad avere sorpreso da queste parti è semmai il riscontro che questa esperienza ha ottenuto, quasi da subito, fra i giovani. Per chi come Andrea Banfi, a capo dei Servizi, delle Attività sociali e giovani di Chiasso (Comune capofila), da un paio d’anni sta accompagnando il progetto degli operatori di prossimità, questa intuizione rappresenta un vero «punto di svolta». Un cambio di prospettiva che potrebbe aiutare a dare concretezza alla fase pilota.

Comunque vada – sul piano istituzionale – il furgone è già un successo. E non lo è unicamente per la sua capacità di restituire visibilità agli operatori e al progetto. «Adesso sono i ragazzi ad aspettarci, ad aspettare il pulmino», ci fanno notare Carla Monachesi Schneider, Noémie Roth e Daniel Jeckelmann. Ed è ciò che più conta agli occhi di chi lavora sul campo. «Se sei per strada, sei sul loro territorio», ci fa notare uno di loro. E questo rende mobili, identificabili e rinsalda legami e fiducia. Del resto, per creare un senso di accoglienza, lì dove ci si trova, non serve molto: un tavolino giallo, un tappeto verde, dei cuscini colorati e un ombrellone. «In realtà – ci spiegano gli operatori – abbiamo cercato di ricreare un piccolo salotto, dove poter bere un tè caldo e sgranocchiare qualche biscotto. Dove i ragazzi possono fare musica. È un momento di convivialità». E la voce è circolata in fretta ed è stata condivisa, via social – tramite i profili ‘Facebook’ degli stessi operatori («i ragazzi, però, preferiscono ‘Instagram’») – ma non solo. Molto hanno fatto il buon vecchio passaparola e una sana dose di curiosità. Tant’è che il furgone rosso ha dimostrato di avere un potere intergenerazionale. «Si avvicinano anche persone ben più adulte, chiedendosi di cosa si tratta; e finiscono con l’interagire con i giovani». E non è poco. Notiamo poi una barra metallica. «È per gli skaters, che non sempre hanno un luogo di ritrovo», ci chiariscono. Attorno al nuovo mezzo di locomozione degli operatori ci si ritaglia degli spazi. «In fondo, siamo un po’ camaleontici, con l’intento di andare là dove c’è il bisogno e con l’obiettivo di coprire tutto il territorio del distretto». Ecco perché si cerca di farsi vedere in giro, incrociando lo ‘sciamare’ dei ragazzi. «Lavorare di prossimità non è facile – ricorda Andrea Banfi –. Con questo servizio ci prefiggiamo di offrire ascolto e accoglienza e di costruire con i ragazzi il percorso che loro desiderano, permettendo di diventare protagonisti». Ragazzi, tengono a sottolineare gli operatori, che non per forza vanno etichettati come ‘problematici’. L’importante è che grazie a un furgone si è riusciti a fare breccia. «In effetti – ci conferma Noémie – questo ‘strumento’ ci ha dato una grande mano, facendoci vedere ma al contempo accettare. Oggi i giovani sanno di poter avere un punto di riferimento». Di fatto si è innescato un riconoscimento reciproco, fra operatori e ragazzi, ma altresì verso l’esterno. «Anche alle persone dà una visione diversa», si aggiunge il collega. Senza trascurare che gli operatori di prossimità sono un gancio prezioso per la rete dei servizi ‘tradizionali’. «Non solo, la presenza del furgone – spiega Carla – è l’occasione per affrontare temi delicati, ad esempio nell’ambito della sessualità». Così, si veicola l’informazione e si fa prevenzione? «Di più, in quel contesto di informalità i giovani intravedono un sostegno», ribadisce Noémie. È così, ci raccontano, che una sera un ragazzo ha trovato il coraggio di chiamare gli operatori e chiedere aiuto in una situazione di difficoltà famigliare che non sapeva come gestire. Dopo pochi mesi, ci fanno capire, questo è un grande risultato. Daniel ammette di avere un’aspirazione: «Dopo il furgone l’obiettivo è avere un piccolo camper, con cui accompagnare i ragazzi». Chissà.

 

TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Plr, il dopo Caprara. Farinelli: 'Ascoltiamo anche la società'
Il consigliere nazionale, presidente della 'Cerca', spiega le tappe. E rileva: 'Importante sarà il contributo di chi è di area ma non è del partito'
Luganese
2 ore
Incendi di Caslano: chiesta la perizia psichiatrica
La procuratrice pubblica chiede che venga stabilito lo stato psichico del 72enne che aveva appiccato il fuoco
Locarnese
3 ore
Mappo-Morettina, 'se il traffico aumenta, possibile un dosaggio'
Un'analisi della Confederazione rivela come la distanza tra le vie di fuga sia ben il doppio di quella prescritta
Bosco Gurin
4 ore
Il rustico di Germano Mattei per la seconda volta all'asta
Il proprietario si dice sorpreso per questa nuova procedura: 'Stavamo mettendo a posto le cose'. Emerge ancora la motivazione politica
Luganese
4 ore
'Abuso a Castagnola', Bianchetti ricorrerà
L'avvocato e consigliere comunale di Lugano preannuncia battaglia su una trasformazione che violerebbe le norme che tutelano i nuclei storici.
Bellinzonese
4 ore
Primo Agosto a Bellinzona senza spettacolo pirotecnico
Confermato l'intervento del consigliere federale Berset. L'accesso sarà contingentato: faranno stato le iscrizioni in ordine di arrivo
Ticino
5 ore
Acquisti local, Lucibello: 'I ticinesi oggi sono più sensibili'
Il presidente della Disti a quasi due mesi dalla campagna '#ripartiamo': 'Da noi un grande ringraziamento, ne va dei negozi e dei posti di lavoro'
Bellinzonese
7 ore
Villa dei Cedri a Bellinzona, due le opere vandalizzate
Oltre al gigante cui è stata amputata la gamba sinistra, con un oggetto appuntito sono state sfregiate le superfici di un'installazione marmorea
Bellinzonese
8 ore
Nante di traverso: 'Ok l'alta tensione, ma non i tralicci'
L'associazione chiarisce il senso dell'opposizione contro la nuova linea elettrica aerea progettata da Swissgrid in alta Leventina
Grigioni
10 ore
Grigioni, alpinista muore dopo una caduta di 400 metri
È successo ieri mattina attorno alle 10 sul Pizzo Bernina sul confine con l'Italia. L'uomo apparteneva a un gruppo formato da tre coppie
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile