laRegione
laR
 
12.09.22 - 19:41
Aggiornamento: 20:21

Piscina di Capriasca, un’estate da record: 60mila ingressi

Il sindaco sull’iniziativa di copertura della vasca olimpionica: ‘Più costi che benefici, ma il progetto non è ancora tramontato definitivamente’

di Guido Grilli
piscina-di-capriasca-un-estate-da-record-60mila-ingressi
Ti-Press
Pienone

Un’estate col botto. Può proprio dirlo – e lo afferma infatti con entusiasmo – Andrea Pellandini, direttore dell’Arena sportiva Capriasca-Val Colla. La piscina di Tesserete ha appena chiuso i battenti il 4 settembre ed è dunque il tempo dei bilanci. «È andata benissimo, siamo molto contenti. Complessivamente abbiamo registrato 20mila ingressi in più rispetto allo scorso anno, per un totale di 60mila utenti nell’arco dell’intera stagione, dunque un aumento pari al 30%». Sole e ancora sole, una costante praticamente mai interrotta da maggio a settembre: le condizioni meteo si sono rivelate ideali per bagni e tuffi all’aperto e hanno contribuito notevolmente sul buon esito della frequentazione del ‘gioiellino della pieve’: una struttura balneare avvolta dalla natura, lontana dal traffico e con un’ampia offerta per tutte le età, dalla vasca olimpionica di cinquanta metri per i nuotatori, all’attrazione dello scivolo a tre corsie di divertimento assicurato, alla vasca per bambini, all’isola con vasca Jacuzzi.

Numeri superiori anche al periodo pre-pandemico

Un altro aspetto importante: «Non si sono registrati incidenti, ha funzionato tutto davvero bene», assicura Pellandini. «Tornando alle cifre: i sabati, giorni che coincidono con le partenze per le vacanze, abbiamo registrato affluenze meno intense, un calo tuttavia che abbiamo ampiamente recuperato nell’arco della settimana. Inoltre, la settimana in cui si sono svolti i campionati europei di Mountain Bike e il periodo delle vacanze edilizie ad agosto non hanno coinciso con un periodo "desertico". Al contrario, i numeri non si sono affatto abbassati, grazie alla presenza di tanti turisti, mantenendosi in linea con il trend dell’intera stagione. Una stagione assolutamente da incorniciare, il numero degli ingressi sono ampiamente aumentati rispetto agli ultimi quattro-cinque anni». Numeri superiori anche al periodo pre-pandemico. Quest’anno l’Arena sportiva Capriasca-Val Colla ha raggiunto il traguardo dell’annata numero 16, rinnovando l’appuntamento con i bagni all’aperto da metà maggio a inizio settembre. Resta il fatto che «non sempre più ingressi in piscina significano necessariamente una maggiore entrata finanziaria: occorre tenere conto dei costi variabili, perché maggiore è l’affluenza del pubblico e più occorre investire: costi derivanti dal cloro, maggiori ore di pulizia e più costi derivante dal personale. Alla fine dobbiamo comunque ricordarci che la struttura balneare rappresenta un servizio alla popolazione». Ora, dopo le attività di svago in acqua, la direzione guarda al calendario dei prossimi eventi: in agenda Open Studio Capriasca, con l’apertura al pubblico di 22 atelier da artisti locali. Inoltre, domenica prossima, l’appuntamento è con "Giochi senza frontiere" rivolto ai bambini nella zona limitrofa alla piscina.

Intanto, il progetto di copertura della piscina olimpionica, contenuto nella lista delle priorità logistiche – inserito a margine di un documento di una dozzina di pagine consegnata dal Municipio lo scorso febbraio all’attenzione del Consiglio comunale – ha conosciuto alcune importanti indicazioni dopo l’approfondimento richiesto e volto a valutare la fattibilità della proposta. Il sindaco di Capriasca, Andrea Pellegrinelli: «Abbiamo valutato il progetto e finora non appare realizzabile, anche se non abbiamo ancora tutte le decisioni definitive e non è dunque ancora tramontato definitivamente, ma sarà difficile e questa prospettiva appare piuttosto allontanarsi. Dallo studio preliminare eseguito risulta che i costi supererebbero i benefici e pertanto una copertura pressostatica della piscina, con il "pallone" (come quello adottato da diversi anni al Lido di Lugano, ndr.) non si giustificherebbe». Ancora Pellegrinelli: «A medio-lungo termine sarebbe più vantaggioso costruire a nuovo una piscina coperta, ma occorrerebbe un investimento importante. Ma il problema risiede nei costi di gestione corrente di questo tipo di strutture. Costi che dovrebbe assumersi interamente il Comune. Guardiamo con interesse al progetto del Cantone al Centro professionale di Trevano (una nuova piscina a otto corsie entro il 2028 al posto di quelle più piccole attualmente in uso al Liceo 1, ndr.)».

Nella lista delle priorità logistiche allestite dall’autorità comunale, in opzione alla copertura della vasca olimpionica per le stagioni fredde si menziona un progetto di costruzione a nuovo di una palestra destinata alla scuola elementare: «È esatto, ma non sarebbe comunque per domani – evidenzia il sindaco –. Proprio ora siamo in fase di allestimento del Piano finanziario comunale e attendiamo di conoscere cosa emergerà».

Leggi anche:

E Capriasca valuta la copertura della piscina olimpionica

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
7 ore
Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’
Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
7 ore
Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione
Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Ticino
7 ore
Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì
Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Ticino
8 ore
Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa
Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Ticino
9 ore
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
9 ore
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
9 ore
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
9 ore
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
10 ore
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
17 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
© Regiopress, All rights reserved