laRegione
30.08.22 - 15:48
Aggiornamento: 17:15

I vertici di una palestra luganese in aula per cattiva gestione

Il dirigente 62enne e l’amministratrice unica 37enne si professano innocenti. Il giudice chiede il business plan e sospende il processo

di Guido Grilli
i-vertici-di-una-palestra-luganese-in-aula-per-cattiva-gestione
Ti-Press
Reati societari al vaglio della Corte

Cattiva gestione, amministrazione infedele, omissione della contabilità, infrazione alla legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e i superstiti. Sono i reati dei quali deve rispondere da stamane davanti alle Assise correzionali di Lugano il direttore della società anonima, fallita nel gennaio 2020, che gestiva una palestra del Luganese – a oggi tuttora attiva sotto un’altra società – lasciandosi dietro un danno patrimoniale accumulato tra il 2017 e il 2020 di quasi mezzo milione di franchi, 476mila franchi indica l’atto d’accusa stilato dal procuratore pubblico, Daniele Galliano, tra cui 20 attestati di carenza beni. Sul banco degli imputati compare anche l’amministratrice unica e prestanome della società anonima, 37enne luganese, che si è detta estranea ai presunti reati societari, facendo sapere di avere appreso dei fatti solo al momento di essere convocata in Procura. Anche la donna deve rispondere degli stessi reati, tranne quello più grave di amministrazione infedele.

Un investimento milionario per il rinnovo del Centro, per l’accusa ‘un eccessivo indebitamento’

Tutto inizia nel 2017, nell’ambito della realizzazione del rinnovo della palestra luganese. Lavori di rinnovamento del valore di 10 milioni. Un’iniziativa che il procuratore pubblico Galliano, nel suo impianto accusatorio, non esita a confinare in una vicenda di cattiva gestione, definendo le modalità dell’operazione immobiliare messe in atto attraverso "un’insufficiente dotazione di capitale, spese sproporzionate e grave negligenza dell’esercizio della loro professione o nell’amministrazione dei beni, cagionato il proprio eccessivo indebitamento o la propria insolvenza o aggravato il proprio eccessivo indebitamento o la sua situazione conoscendo la propria insolvenza".

Il giudice Marco Villa, rivolgendosi all’imputato, ha sondato la sua attuale situazione finanziaria. «Guadagno 8mila franchi lordi» ha risposto l’imprenditore, spiegando di essere ancora a capo della palestra «ma non tutti i mesi prendo lo stipendio, dipende dall’andamento della società». L’imputato ha spiegato di voler continuare a gestire l’attività anche in futuro: «Il progetto principale è uscire dalla pandemia, affinché la società possa riprendersi». Il giudice ha chiesto se fosse lui l’artefice, il deus ex machina dell’azienda. «Non mi riconosco dirigente come viene descritto nell’atto d’accusa. Io mi occupavo solo di gestire il cantiere. C’era stata una opposizione, il cantiere è finito in sei mesi e mezzo invece dei progettati due anni». Per la pubblica accusa il 62enne ha perseguito "meri interessi personali, segnatamente la realizzazione (dei lavori, ndr) nel più breve tempo possibile e con minor costi possibili, evitando di pagare oneri sociali e imposte, cagionando il fallimento della società (richiesto dall’Istituto delle Assicurazioni sociali alla Pretura di Lugano)".

A fine mattinata, il presidente della Corte ha chiesto all’imprenditore se sia in grado di fornire alla Corte il business plan dei lavori di rinnovo eseguiti alla palestra, dal momento che questo documento, ritenuto essenziale, manca nell’incarto processuale. L’imputato ha risposto affermativamente, ma ha richiesto un giorno di tempo per trovarlo e produrlo. Detto, fatto. Il giudice Villa ha sospeso il processo fino a domani alle 9, chiedendo all’imputato di presentare la documentazione relativa al business plan, al piano di finanziamento e di investimento della società anonima. Il dibattimento pubblico riprenderà dunque con l’interrogatorio dei due imputati. Al vaglio degli inquirenti anche la posizione della donna, la quale per la pubblica accusa aveva firma individuale sulla relazione bancaria della società, ma di fatto se ne era disinteressata completamente, spiegando che il co-imputato le avrebbe detto "che sarebbe stato lui a portare avanti il tutto" e che lei dunque aveva dedotto: "Io quindi non avrei dovuto fare niente".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
4 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
5 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
6 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
8 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
8 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
8 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
8 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
10 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
12 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved