laRegione
31.07.22 - 10:00

A Sorengo prende forma il nuovo Centro civico

Con gli spazi per l’amministrazione, una sala multiuso, 20 appartamenti (privati), piazzetta e giardino pubblico

a-sorengo-prende-forma-il-nuovo-centro-civico
Ti-Press/D. Agosta
Antonella Meuli

Il cantiere è ancora un brulicare di operai e artigiani, ma ieri a Sorengo era in programma la consegna formale degli spazi destinati all’amministrazione comunale, che vi si trasferirà fra un mesetto o forse più, spazi comprendenti, oltre agli uffici, una sala multiuso destinata alle sedute del Legislativo, delle commissioni e ad altre attività e i magazzini.

Una grossa costruzione questa che porterà l’indirizzo di via Cortivallo 46, dal disegno ‘mosso’ come a imitare le vecchie case poste di fronte a essa, una delle quali ospita la ‘Bottega’, per chi conosce la zona. Bottega fra l’altro chiusa, come si legge su un cartello, fino al 2 agosto causa il protrarsi del cantiere. I residenti delle case intorno aspettano pure loro che le cose prendano una forma compiuta. «Qui ci saranno dei posteggi» ci dice uno di loro, che vive in una palazzina sotto la strada, «speriamo che non chiudano il passaggio».

Operazione ‘pubblico-privato’

L’amministrazione comunale di Sorengo, attualmente ubicata presso le scuole comunali sul colle, occuperà solo una parte di questi spazi, precisamente il pianterreno, e il sottostante "meno uno" dove sono previsti dei magazzini comunali. Sopra, ben 20 appartamenti, bilocali e trilocali, a quanto pare già tutti venduti (il sito web del costruttore indicava la disponibilità di una ultima unità da 2,5 locali) destinati concettualmente a inquilini della terza età, essendo dotati di particolari accorgimenti a livello di accessibilità: la mancanza di gradini nel percorso dalla strada fino all’appartamento, le porte più ampie del consueto, così come i corridoi e i bagni. Questa parte di operazione è realizzata da una società di promozione immobiliare (SuissePromotion ndr), viene definita ‘Residenza al borgo’ e ricade perciò sotto le leggi di mercato. Combinando la parte immobiliare con quella del Comune di Sorengo per i suoi spazi si ha, ci dice la sindaca Antonella Meuli, «un’operazione pubblico-privato» per la quale erano stati stanziati 5,7 milioni di franchi, «ma con la cessione al privato di una quota del fondo, il saldo finale a carico del Comune a conti fatti dovrebbe essere inferiore ai 5 milioni». Fondo che venne acquistato all’uopo dal Comune, era una proprietà in vendita da tempo. A questa somma, lo stesso Consiglio comunale sul finire del 2020 ha aggiunto 383mila franchi per la pavimentazione, con materiali pregiati, della futura ‘Piazzetta di Cortivallo’, ricavata tra le ali dell’edificio, che assieme al complesso del Centro civico dovrebbe costituire un nuovo punto di riferimento nel territorio del paese. La conformazione dello stabile, costituito da separati corpi di fabbricati intende emulare una tipica situazione di nucleo, mentre a lato dell’immobile è previsto un giardino a uso pubblico e dei posteggi nella zona sottostante.

Il rush finale

La costruzione come detto non è affatto completata. A occhio la conclusione della stessa non sembra imminente: l’area è completamente transennata e i lavori proseguono febbrilmente. Secondo i piani, il trasloco degli uffici comunali dovrebbe avvenire nel corso di tre settimane durante il mese di agosto, ma al momento non abbiamo ancora una data per l’inaugurazione, che sarà evidentemente organizzata a cose fatte.

Si diceva della nuova sala multiuso: il suo scopo principale è quello di ospitare le sedute degli organismi politici, come Consiglio comunale e Commissioni appunto, riunioni dei partiti, più eventuali altre iniziative, sebbene a Sorengo già esistano spazi abitualmente impiegati per eventi culturali e associativi. Il messaggio municipale del 2017 ipotizzava per esempio attività legate destinate alla fascia di popolazione anziana, magari in collaborazione con enti come la Pro Senectute e con gli stessi inquilini dell’immobile. A questa soluzione mista il Comune di Sorengo è pervenuto dopo un primo studio per una costruzione in proprio che all’epoca ipotizzò una spesa di 10 milioni di franchi. Non essendo intenzionato a sostenere una spesa simile, il Municipio si orientò verso altre soluzioni, arrivando per finire a questa messa in opera in via Cortivallo, ottenendo al contempo la messa sul mercato locale di abitazioni adatte alla popolazione anziana, ma ancora autosufficiente con determinati aiuti, una fascia che presumibilmente tenderà a crescere nei prossimi anni con l’arrivo dei ‘baby-boomer’.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
47 min
Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’
Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
2 ore
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
3 ore
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
3 ore
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
4 ore
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
4 ore
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
4 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
9 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
10 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
10 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
© Regiopress, All rights reserved