laRegione
20.06.22 - 19:44
Aggiornamento: 11.07.22 - 18:03

Progettisti esclusi dal Pse, la Cat: ‘Continuità per qualità’

L’associazione di categoria si esprime in seguito alla polemica fra Giraudi-Radczuweit e Città di Lugano/Hrs

progettisti-esclusi-dal-pse-la-cat-continuita-per-qualita
Ti-Press
Continuità, controllo, qualità

A seguito della notizia dell’esclusione dei progettisti Giraudi e Radczuweit dal prosieguo del cantiere Polo sportivo e degli eventi (Pse) di Lugano, e della relativa polemica fra lo studio di architetti da un lato e la Città nonché l’impresa costruttrice Hrs dall’altro, prende posizione anche l’associazione di categoria. La Cat (Conferenza delle associazioni tecniche del Canton Ticino, che riunisce fra l’altro progettisti, architetti e ingegneri) in un comunicato ha ribadito infatti gli "aspetti tecnici e procedurali determinanti per la costruzione di un’opera di qualità".

‘Garantire i diritti di eseguire un progetto completo’

"Per raggiungere quest’obiettivo, giustamente sempre sostenuto e annunciato dal Municipio in fase referendaria – si legge –, l’unica strada percorribile (...) è quella di garantire la continuità dell’elaborazione del progetto dalle sue fasi iniziali, nel caso del Pse definiti dall’esito di un concorso di progetto, fino a quelle definitive ed esecutive. Il controllo e l’esigenza di un’opera di qualità (...) non possono a nostro avviso prescindere da questo principio. Ai suoi progettisti devono essere garantiti i diritti, anche morali, di eseguire un progetto completo, prima a livello di concorso di architettura e poi a livello contrattuale successivo. I progettisti sono poi chiamati a loro volta ad agire nell’interesse pubblico e a favore del progetto e del committente".

‘Non la soluzione migliore’

La presa di posizione termina sottolineando che "la scelta di appoggiarsi a una ‘impresa generale’ oppure ‘impresa totale’ per la realizzazione di un’opera pubblica non è quindi da noi ritenuta la soluzione migliore, soprattutto se attuata dopo aver adottato la procedura del concorso di progetto per la scelta del suo progettista. La Cat (...) confida che il lodevole Municipio saprà prendere le decisioni migliori per garantire l’edificazione di un’opera di valore, rispettosa della sua architettura e dei suoi progettisti". Una nota dunque che ricalca alcuni dei timori già espressi settimana scorsa dai gruppi politici del Consiglio comunale (Cc).

I collaboratori della Città e gli spagnoli

Già a dicembre, mesi prima della polemica ma dopo il referendum, la Fas (Federazione architette e architetti svizzeri) aveva messo in guardia il Municipio chiedendo che la Città non perda il controllo su quanto viene fatto con il Pse, nella cruciale fase della progettazione di dettaglio, ossia adesso che verranno scelti i materiali e stabiliti dunque i costi. La capodicastero Cristina Zanini Barzaghi aveva a suo tempo replicato spiegando «abbiamo ben cinque collaboratori che lo stanno seguendo. Sono stati fissati una serie di paletti». Rassicurazioni sufficienti? Inoltre, sebbene non vi siano informazioni ufficiali – il Municipio replicherà al prossimo Cc, il 4 luglio –, sembrerebbe che l’altro studio d’architettura che aveva vinto il concorso nel 2012, Cruz y Ortiz, non sarebbe stato escluso. Dalla Spagna potranno garantire la continuità invocata dalla Cat?

Leggi anche:

‘Il Pse? Lo hanno trasformato in appalto totale’

Pse, timori per i progettisti esclusi: ‘Controlli da garantire’

Lugano, ‘che la Città non perda il controllo sul Pse’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
2 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
9 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
11 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
12 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
13 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
14 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
14 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
18 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
20 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
© Regiopress, All rights reserved