laRegione
05.12.21 - 16:56
Aggiornamento: 18:23

Rave party clandestino fino alle 8 nei boschi di Pura

Allertata la polizia di Lugano arrivata alle 3 quando la musica era spenta, così la pattuglia è rientrata in sede. Notte insonne per molti abitanti

rave-party-clandestino-fino-alle-8-nei-boschi-di-pura
Ti-Press
È qui la festa?

“Tuz, tuz, tuz”. Metti una notte di inizio dicembre, completamente in bianco. Ha lasciato insonni parecchi abitanti di Pura e dei dintorni della località malcantonese la notte tra sabato e questa mattina. Il motivo? Un rave party clandestino svoltosi nei boschi di Pura e illegale, dal momento che – come ci confermano in Comune – il Municipio non ha ricevuto nessuna richiesta di autorizzazione. Da nostre informazioni, la Polizia Città di Lugano, cui spetta il compito di pattugliare l’intera regione del Luganese, trascorse le due del mattino, attorno alle 3 ha mandato una pattuglia sul posto dopo la telefonata di un cittadino di Pura, tenuto in piedi a seguito della musica assordante. La richiesta di intervento non ha tuttavia conosciuto l’esito sperato. Una volta giunti sul posto gli agenti non hanno avvertito nessun rumore e hanno dunque richiamato l’autore della segnalazione, che ha in effetti confermato che la musica sembrava cessata. Così la pattuglia è tornata in sede.

La testimone: fari blu e azzurri, microfono e dj

Ma si sarebbe trattato unicamente di una “breve” pausa. Perché invece gli amplificatori hanno continuato a emettere «suoni fortissimi» – come ci conferma una donna del vicino comune di Neggio, che questa mattina, ancora dopo oltre le 8, spiega di aver passeggiato con il cane nel sentiero che conduce al bosco e di aver visto in territorio di Pura, lungo il fiume, i fari blu e azzurri di un rave party, lo schiamazzo di alcune ragazze e «le urla di un dj dentro un microfono». La notizia stamane è rimbalzata anche sui social. “Il mio cane era nel panico a causa dei rumori” – ha postato un abitante di Pura. Gli ha fatto eco un concittadino, sollevando la questione delle misure anti-Covid che potrebbero non essere state rispettate. Ma di più non si sa. Non è infatti dato sapere chi siano gli organizzatori e come si sia svolta la festa “en plein air” e in piena libertà, caratteristiche proprie dei classici rave party. Insomma, quanto è bastato per molti malcantonesi a non più chiudere occhio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
‘Una possibilità’ è quella che vedrà la luce a Solduno
IIl gruppo interdisciplinare capitanato dallo studio Lopes Brenna di Chiasso ha vinto il concorso per ristrutturazione e ampliamento delle Scuole comunali
Gallery
Bellinzonese
3 ore
Incidente con ferimento sul viadotto del Ceneri. Disagi sulla A2
Il sinistro si è verificato poco dopo la galleria, sull’asse di percorrenza sud-nord, provocando la momentanea chiusura della corsia di destra
Luganese
3 ore
Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio
Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
7 ore
Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’
Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
7 ore
Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’
Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
7 ore
Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’
L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
7 ore
Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione
Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
16 ore
50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro
Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
16 ore
Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano
Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Luganese
16 ore
Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori
La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
© Regiopress, All rights reserved