laRegione
centro-sportivo-efg-a-cadro-la-citta-non-ha-fretta
Una veduta aerea del comparto di oltre 20’000 metri quadrati (Ti-Press)
laR
 
15.11.21 - 20:09

Centro sportivo Efg a Cadro, la Città non ha fretta

Il Municipio di Lugano ha trovato l’accordo sulla cifra per l’eventuale compravendita, ma per ora l’oggetto è escluso del Piano investimenti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L’interesse pubblico permane, l’accordo con la Banca Efg è stato raggiunto ma bisognerà aspettare qualche anno, per l’eventuale acquisizione da parte della Città di Lugano dell’ex centro sportivo Bsi a Cadro. Sono questi gli sviluppi del tema che aveva fatto parecchio discutere nella passata legislatura. Da una parte, lo ricordiamo, c‘erano i progetti immobiliari promossi dall’istituto bancario zurighese entrato in possesso dell’ampio comparto di 20’500 metri quadrati, con l’acquisizione della Bsi. Progetti presentati in una mostra, per un nuovo piano di quartiere nell’area, che però è vincolata all’adozione da parte del Consiglio comunale di Lugano di una variante pianificatoria, visto che il sedime è destinato a Pr come “zona edificabile speciale, destinata esclusivamente a insediamenti e strutture per attività di tempo libero e sport". Dall’altra, la Città aveva approfondito l’opzione di acquistare il terreno, dopo le critiche dalle associazioni per il territorio e da verdi e socialisti i segnali giunti dall’assemblea di quartiere, la richiesta esplicita dell’ex vicesindaco Michele Bertini e l’interrogazione del consigliere comunale Michele Malfanti.

Era pure emersa l’offerta finanziaria di 3,2 milioni di franchi presentata dalla Città alla banca. Poi, del tema non si è più parlato pubblicamente. Ora, a due anni dagli ultimi che punto siamo? L’interesse della Città di Lugano c’è ancora? «L’interesse politico sussiste, ma, a corto termine, l’operazione non potrà essere concretizzata»: il vicesindaco di Lugano e titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi Roberto Badaracco prende tempo. «È un bellissimo comparto, potrebbe rappresentare un polmone verde per tutta la regione e sarebbe un peccato non acquisirlo. In questi ultimi due anni, il Municipio è stato assorbito dal progetto di Polo sportivo e degli eventi (Pse), perciò la questione è rimasta bloccata». In altre parole, non è (più) una priorità. Tanto che l’investimento non rientra nel Piano degli investimenti per il quadriennio 2022-2025, «ma potrebbe sempre rientrarvi perché la proiezione finanziaria è musica del futuro e può essere modificata», precisa il vicesindaco che lascia così una porta aperta: potrebbe essere un investimento su cui avviare una riflessione. Una riflessione dalla quale potrebbe emergere che gli oneri per la gestione e la manutenzione dell’area sono ragionevoli proprio in virtù del carattere d’investimento dell’operazione.

La Città non dovrebbe lasciar cadere nel dimenticatoio l’operazione in particolare alla luce della futura chiusura di due piscine nel Luganese, «dove già ora si fatica a soddisfare la richiesta per spazi acqua», sottolinea Badaracco. Il centro sportivo di Cadro, sebbene inutilizzato da diversi anni, dispone di una piscina, che tuttavia, come le altre strutture del centro andrebbe ristrutturata. Prima di concludere, il Municipio dovrà comunque tenere un occhio di riguardo sull’erario cittadino, visto che, se il Pse verrà accolto dalla maggioranza della popolazione il prossimo 28 novembre, ci saranno oneri significativi in prospettiva. Bisogna poi considerare i bisogni effettivi della popolazione e verificare l’effettivo fabbisogno di aree ricreative e sportive su tutto il comprensorio non solo cittadino. Insomma, la riqualifica della struttura già esistente merita comunque di essere valutata e approfondita. Peraltro la zona, come detto, a livello pianificatorio è già conforme.

Leggi anche:

Lugano, e 'se comprassimo il sedime ex Bsi di Cadro?'

Ex centro sportivo a Cadro, 'perché non acquistarlo?'

Cadro, offerta di 3,2 milioni per il terreno ex Bsi

Lugano, la nuova piscina a otto corsie entro il 2028

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banca efg cadro centro sportivo lugano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app
Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
1 ora
‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’
Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
11 ore
Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio
Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Ticino
11 ore
Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto
Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Bellinzonese
12 ore
Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli
Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Ticino
13 ore
Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio
Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Luganese
13 ore
Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare
Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
17 ore
Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord
Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
19 ore
Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’
L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
23 ore
Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’
Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
© Regiopress, All rights reserved