laRegione
29.07.21 - 15:37
Aggiornamento: 17:01

Tram-Treno, concorso da rifare: l'Mps riformula le domande

Ritenendo evasive le risposte, il Movimento torna a interpellare il Consiglio di Stato dopo che questo si era già espresso sul concorso del progetto

tram-treno-concorso-da-rifare-l-mps-riformula-le-domande
I convogli che transiteranno anche sulla futura tratta (Ti-Press)

Nuovo concorso, nuove domande. Mentre il Dipartimento del territorio è intento a rivedere il bando di concorso per il Tram-Treno del Luganese per una nuova pubblicazione, dopo che il 16 luglio scorso il Tribunale amministrativo cantonale (Tram) lo aveva annullato, il Movimento per il socialismo (Mps) non resta con le mani in mano: ritenendo “in gran parte evasive“ le risposte fornite dal Consiglio di Stato a una precedente interpellanza, i granconsiglieri dell'Mps tornano alla carica riformulando le domande alla luce della mutata situazione.

Caos si, caos no

Il primo atto parlamentare del Movimento è datato 18 maggio e le risposte sono arrivate il 31 dello stesso mese: il contesto era quella della sospensione decisa da parte del Tram della gara di appalto per la progettazione della tappa prioritaria del Tram-Treno. E i quesiti erano conseguenti a questa sospensione. Oggi l'Mps ripropone le proprie considerazioni, in parte modificate a causa delle novità. A cominciare dalla gestione del bando e dei ricorsi. A maggio gli interpellanti avevano parlato di “caos“: sottolineando come il direttore stesso del Dipartimento del territorio (Dt) Claudio Zali abbia parlato di “pasticcio“ ai media all'indomani della sentenza del Tram, ma che nella sua risposta precedente il Dt abbia invece parlato di “non meglio precisato caos“, chiede sostanzialmente come sia possibile che “la luce si sia accesa d'incanto“ solo adesso.

Perché non suddividere il bando in lotti?

Si domanda inoltre se ora il Dt eliminerà dal bando “gli inutili elementi di difficoltà“, come ad esempio uno dei più contestati: la richiesta di presentare la firma dei committenti di opere simili precedentemente realizzate. L'Mps continua inoltre a ritenere che un bando suddiviso in più lotti sarebbe preferibile, sebbene il Dt abbia dichiarato che questa “risponderebbe esclusivamente a logiche di distribuzione a pioggia del lavoro e delle relative remunerazioni a scapito della qualità attesa per il compito“. Una tesi scorretta secondo il Movimento, che cita le “importanti opere a cielo aperto di Alptransit a sud del tunnel di base, dove la qualità del lavoro svolto dai progettisti non è certo stata messa in discussione“.

C'è apertura al dialogo in Dipartimento?

Le ultime domande riguardano la disponibilità al dialogo del Dt, non all'altezza secondo l'Mps, che chiede infatti se il Dipartimento intenderà ora “ascoltare i professionisti operanti nel settore e in particolare le loro voci critiche“. Infine – basandosi sulla sentenza del Tram che parla di “incomprensibile sufficienza e indisponenza“ – si chiede di rivedere la risposta del Dt che definiva “presunta“ la supponenza nella gestione degli appalti della quale ha parlato l'Mps e “non oggettive“ le indicazioni di un crescente malessere nel settore.

Leggi anche:

Il Tram 'boccia' il tram, per Lombardi 'è la ricorsite'

Il Tram ferma il treno: sospeso l'appalto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
46 min
Pizzicato al confine con 750 mila euro non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
2 ore
La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina
Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
2 ore
Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro
Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
Luganese
9 ore
Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia
Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
9 ore
‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’
Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Ticino
12 ore
‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’
La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
12 ore
La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale
La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Locarnese
12 ore
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
13 ore
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
14 ore
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
© Regiopress, All rights reserved