laRegione
tram-treno-concorso-da-rifare-l-mps-riformula-le-domande
I convogli che transiteranno anche sulla futura tratta (Ti-Press)
29.07.21 - 15:37
Aggiornamento: 17:01

Tram-Treno, concorso da rifare: l'Mps riformula le domande

Ritenendo evasive le risposte, il Movimento torna a interpellare il Consiglio di Stato dopo che questo si era già espresso sul concorso del progetto

Nuovo concorso, nuove domande. Mentre il Dipartimento del territorio è intento a rivedere il bando di concorso per il Tram-Treno del Luganese per una nuova pubblicazione, dopo che il 16 luglio scorso il Tribunale amministrativo cantonale (Tram) lo aveva annullato, il Movimento per il socialismo (Mps) non resta con le mani in mano: ritenendo “in gran parte evasive“ le risposte fornite dal Consiglio di Stato a una precedente interpellanza, i granconsiglieri dell'Mps tornano alla carica riformulando le domande alla luce della mutata situazione.

Caos si, caos no

Il primo atto parlamentare del Movimento è datato 18 maggio e le risposte sono arrivate il 31 dello stesso mese: il contesto era quella della sospensione decisa da parte del Tram della gara di appalto per la progettazione della tappa prioritaria del Tram-Treno. E i quesiti erano conseguenti a questa sospensione. Oggi l'Mps ripropone le proprie considerazioni, in parte modificate a causa delle novità. A cominciare dalla gestione del bando e dei ricorsi. A maggio gli interpellanti avevano parlato di “caos“: sottolineando come il direttore stesso del Dipartimento del territorio (Dt) Claudio Zali abbia parlato di “pasticcio“ ai media all'indomani della sentenza del Tram, ma che nella sua risposta precedente il Dt abbia invece parlato di “non meglio precisato caos“, chiede sostanzialmente come sia possibile che “la luce si sia accesa d'incanto“ solo adesso.

Perché non suddividere il bando in lotti?

Si domanda inoltre se ora il Dt eliminerà dal bando “gli inutili elementi di difficoltà“, come ad esempio uno dei più contestati: la richiesta di presentare la firma dei committenti di opere simili precedentemente realizzate. L'Mps continua inoltre a ritenere che un bando suddiviso in più lotti sarebbe preferibile, sebbene il Dt abbia dichiarato che questa “risponderebbe esclusivamente a logiche di distribuzione a pioggia del lavoro e delle relative remunerazioni a scapito della qualità attesa per il compito“. Una tesi scorretta secondo il Movimento, che cita le “importanti opere a cielo aperto di Alptransit a sud del tunnel di base, dove la qualità del lavoro svolto dai progettisti non è certo stata messa in discussione“.

C'è apertura al dialogo in Dipartimento?

Le ultime domande riguardano la disponibilità al dialogo del Dt, non all'altezza secondo l'Mps, che chiede infatti se il Dipartimento intenderà ora “ascoltare i professionisti operanti nel settore e in particolare le loro voci critiche“. Infine – basandosi sulla sentenza del Tram che parla di “incomprensibile sufficienza e indisponenza“ – si chiede di rivedere la risposta del Dt che definiva “presunta“ la supponenza nella gestione degli appalti della quale ha parlato l'Mps e “non oggettive“ le indicazioni di un crescente malessere nel settore.

Leggi anche:

Il Tram 'boccia' il tram, per Lombardi 'è la ricorsite'

Il Tram ferma il treno: sospeso l'appalto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
claudio zali dipartimento territorio dt mps tram-treno tram-treno luganese
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni
L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Bellinzonese
5 ore
La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto
Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Locarnese
5 ore
Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli
Attribuito dal Gigante giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Luganese
6 ore
Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’
Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’
Luganese
8 ore
Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo
L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
Bellinzonese
11 ore
Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’
Stipendi non versati, niente ferie e continue pressioni: è la situazione lavorativa descritta da alcuni ex dipendenti del Cerere Bio Bistrot di Bellinzona
Luganese
11 ore
Un anno fa scomparve Borradori, Foletti: ‘L’assenza si sente’
Il sindaco di Lugano ci racconta i suoi sentimenti personali e come sono mutate le dinamiche e gli equilibri all’interno del Municipio
Gallery
Bellinzonese
18 ore
Una raccolta fondi per scendere più in profondità
L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
18 ore
In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore
A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
19 ore
Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’
Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
© Regiopress, All rights reserved