laRegione
04.05.21 - 16:20
Aggiornamento: 17:03

'Ok Biker', a Lugano prevenzione sugli incidenti in moto

Al via una campagna promossa dalla polizia cittadina. Secondo l'Ufficio prevenzione infortuni i motociclisti sono tra i più esposti ai sinistri

di Guido Grilli
ok-biker-a-lugano-prevenzione-sugli-incidenti-in-moto
TI-PRESS
La sicurezza, prima di tutto

È partita oggi la campagna di prevenzione degli incidenti in moto promossa dalla Polizia città di Lugano con lo slogan "La vita non è una gara". La campagna, rivolta ai conducenti di motoveicoli che, con la bella stagione, si rimettono a circolare numerosi anche sulle strade di Lugano, è denominata, 'Ok Biker'.
Secondo quanto dichiarato dall’Ufficio Prevenzione Infortuni (Upi) i motociclisti sono esposti a un rischio d'incidente particolarmente elevato: coprono solo il 3% dei chilometri percorsi complessivamente sulle strade svizzere, ma a un quarto dei feriti gravi per un incidente della circolazione tocca proprio la loro categoria. Ogni anno, in Svizzera, 3'600 centauri subiscono un infortunio e sempre l'UPI teme in generale un aumento degli incidenti tra i giovani tra i 15 e i 17 anni, che da quest'anno possono guidare moto più potenti e quindi anche più veloci. Per quanto riguarda i dati relativi agli incidenti stradali che vedono coinvolti motociclisti, un recente comunicato del progetto "Strade sicure" ha ricordato che "nel nostro Paese si è assistito a un aumento dei centauri deceduti, passati da 30 nel 2019 a 52 nel 2020. In aumento, anche se più contenuto, il dato sui feriti gravi, da 990 nel 2019 si è passati a 998 nello scorso anno. In Ticino le cifre indicano invece una certa stabilità: a fronte di 343 incidenti, nel 2020 vi sono stati 3 decessi, che raggiungono il numero del 2019. I feriti gravi invece sono diminuiti, raggiungendo quota 65 (92 nel 2019)."

Esempi concreti da non seguire 

A Lugano, nel 2020, il totale degli incidenti con le moto sono diminuiti rispetto all'anno precedente: erano 94 nel 2019 e 72 del 2020, tuttavia si teme anche qui un certo rialzo nell'anno corrente. "Il rischio c'è" - scrive la polizia cittadina , ricordando che "solo due settimane fa, nel corso di un controllo della velocità con pistola laser, la nostra polizia ha intercettato un 19enne motociclista svizzero domiciliato nel Luganese che circolava in Via Circonvallazione a una velocità di 104 chilometri orari dove il limite è di 50. Sempre a Lugano, sull'arco degli ultimi 5 anni, dal 2016 al 2020, sono stati constatati, in media, 87.4 incidenti totali all'anno. Gli incidenti con danni alla persona sono stati, in media, 40.2 ed emerge che nella metà dei casi il motociclista è ritenuto il principale responsabile dell'incidente. Sempre nello stesso arco di tempo, si sono purtroppo registrati complessivamente 2 morti, 75 feriti gravi e 120 feriti leggeri.

Tutti i consigli utili 

La campagna di prevenzione “OK BIKER” durerà fino al 21 maggio. In concreto, gli agenti sulla strada renderanno attenti i motociclisti sui pericoli, educandoli in particolare sui comportamenti corretti per prevenirli, grazie ai consigli e ai materiali dell'UPI nell'ambito della loro campagna «Stayin’ Alive». Ma quali sono gli obblighi principali di comportamento per i motociclisti per la loro sicurezza? Diversi, fra cui: mantenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri utenti della strada, indossare un casco di protezione omologato; evitare i sorpassi oltre la linea di sicurezza e/o in prossimità di curve e passaggi pedonali; conservare il posto in colonna ferma; rispettare i limiti di velocità; accendere le luci anabbaglianti anche di giorno; evitare il rumore eccessivo e molesto modificando tubi di scarico o levando i silenziatori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
20 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved