laRegione
15.04.21 - 16:06
Aggiornamento: 17:17

Scuola montana di Nante, la Città vuole investire 3 milioni

Richiesta di credito al Consiglio comunale per lavori di manutenzione straordinaria dell'edificio sorto negli anni '60

di Guido Grilli
scuola-montana-di-nante-la-citta-vuole-investire-3-milioni
TI-PRESS
Uno scorcio panoramico di Nante

Il Municipio ha licenziato oggi all’attenzione del Consiglio Comunale un credito di 3 milioni di franchi per i lavori di manutenzione straordinaria della Scuola montana di Nante. Obiettivo: risanare l’edificio e assicurare la continuità delle attività scolastiche fuori sede per gli allievi delle scuole elementari di Lugano. La Casa di Nante risale all’inizio degli anni ’60 e si trova nel comune di Airolo, all’entrata del villaggio di Nante. La Casa è stata acquistata dalla Città nel 1967, e nel dicembre dello stesso anno ha avuto luogo per la prima volta il corso scolastico di sci per le scuole elementari di Lugano. Nel 1991, a conclusione di alcuni lavori di ristrutturazione e ampliamento della struttura, è stata inaugurata la sede rinnovata della Scuola montana di Lugano. Qui i bambini di quarta e quinta elementare hanno l’opportunità di trascorrervi rispettivamente due e una settimana e cimentarsi in attività sportive e didattiche legate in particolare alla conoscenza del territorio.

Andrebbe rinnovata l'impiantistica e le attrezzature vetuste

Le opere di ristrutturazione generale all’interno e all’esterno dell’edificio riguardano in particolare il risanamento energetico dello stabile (illuminazione con tecnologia LED, centrale termica, gestione del calore, ecc.), il rinnovo dell’impiantistica (canalizzazioni, impianto elettrico), del mobilio e delle attrezzature vetuste. Con i soldi - se il Legislativo lo vorrà - è previsto anche il rifacimento del piazzale esterno e della strada di accesso dei fornitori con un nuovo manto stradale per consentire il transito dei bus e degli spazzaneve. Per una piccola parte dell'ingente investimento (285 mila franchi), il Municipio conta di poter richiedere gli incentivi cantonali (FER, Fondo per le energie rinnovabili). 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
10 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
10 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
12 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
13 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
13 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
13 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
22 ore
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
22 ore
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved