laRegione
26.01.21 - 18:53
Aggiornamento: 19:12

Truffe del Covid, denaro drenato nel petrolifero

Il dentista e l'altro accusato hanno in parte ammesso le loro responsabilità di aver utilizzato i crediti concessi per altri scopi

truffe-del-covid-denaro-drenato-nel-petrolifero
Soldi presi per l'emergenza ma utilizzati per altri scopi (Ti-Press)

Entrambi hanno in parte ammesso le proprie responsabilità: i due imprenditori italiani (uno dei quali, come anticipato da laRegione di professione dentista) arrestati venerdì per avere indebitamente percepito un milione e mezzo di franchi di crediti loro concessi per far fronte all'emergenza Covid-19. La maggior parte del denaro – ha riferito la Rsi – sarebbe stata investita in una società svizzera attiva nel settore petrolifero, detentrice di un brevetto per il trattamento degli idrocarburi. Nella seconda metà del 2020, i due hanno racimolato la somma da drenare nell’affare, utilizzando le loro di società: tre in tutto, con sede a Lugano. Avrebbero alterato i bilanci per aumentare l’entità dei prestiti, che l’ordinanza federale limita al 10% della cifra d’affari. Ripetuta truffa e ripetuta falsità in documenti le accuse principali ipotizzate nei confronti dei due, per i quali è stata ordinata la carcerazione preventiva. A piede libero sono rimaste invece un paio di persone, pure finite sotto inchiesta. Una trentina gli altri casi di truffe simili sono sul tavolo del ministero pubblico. In media si parla di due indagati per incarto, e di importi che si aggirano attorno ai 200'000 franchi.

Leggi anche:

Un dentista fra i 'furbi' del Covid

Truffe crediti Covid, arrestati due residenti nel Sottoceneri

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
5 min
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
1 ora
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
2 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
2 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
3 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
4 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
4 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
4 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
4 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Luganese
5 ore
Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl
Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
© Regiopress, All rights reserved