laRegione
©Ti-Press/Gabriele Putzu
Lugano
14.09.17 - 16:230

Littering, 15 occhi in più per combattere il fenomeno

La Città si dota di 15 nuove telecamere mobili per contrastare il diffuso fenomeno dell’abbandono abusivo di rifiuti nei punti di raccolta comunali e continua nelle attività di prevenzione e promozione di comportamenti virtuosi.

"La Città di Lugano combatte da tempo il fenomeno del littering sul suo territorio promuovendo attività e campagne di sensibilizzazione sull’adozione di comportamenti virtuosi". Lo ricorda l'Amministrazione in una nota inviata alle redazioni. "Inoltre, mette a disposizione della cittadinanza una rete sempre più vasta e capillare di punti di raccolta rifiuti, con 6 ecocentri, 50 ecopunti, 1200 contenitori interrati e oltre 900 cestini. A questi si aggiunge l’intenso lavoro delle squadre della nettezza urbana, che lavorano su due turni quotidiani per 364 giorni all’anno occupandosi anche di ripulire, due volte al giorno, i punti di raccolta rifiuti di Loreto, Besso, Centro, Molino Nuovo, Viganello, Cassarate e Castagnola". Eppure, "malgrado un’informazione puntuale sulle diverse possibilità di smaltire ogni tipologia di rifiuti, Lugano deve far fronte a quotidiani problemi di decoro, igiene e sicurezza conseguenti all’abbandono abusivo su suolo pubblico di rifiuti. Più volte al giorno, in prossimità delle zone di raccolta, sono infatti abbandonati oggetti anche di grandi dimensioni, scarti vegetali, rifiuti industriali e rifiuti di cantiere. Sempre più cittadini sensibili al tema, segnalano atti illeciti di questo tipo, che potrebbero essere evitati smaltendo i rifiuti ingombranti nei luoghi previsti".

Pertanto, al fine di contrastare il malcostume dello smaltimento abusivo di rifiuti, i servizi della Città a breve si doteranno di 15 telecamere mobili che saranno posizionate, a rotazione, nei diversi punti di raccolta presenti sul territorio. Questi dispositivi andranno ad aggiungersi alle telecamere fisse attualmente in servizio negli ecocentri di Pregassona, Breganzona e Pambio-Noranco; impianti che hanno già dato prova della loro efficienza permettendo di risalire, in molti casi, agli autori degli abusi.

Grazie alla sorveglianza di queste aree, "la Città di Lugano intende dissuadere i trasgressori, contrastando in modo mirato ed efficace il problema". Il costo delle nuove telecamere mobili ammonta a 30mila franchi e rientra nel messaggio municipale licenziato lo scorso mese di gennaio relativo ai lavori necessari per l’adeguamento delle strutture cittadine per la raccolta dei rifiuti.

Tags
raccolta
rifiuti
punti raccolta
punti
telecamere
città
fenomeno
telecamere mobili
raccolta rifiuti
lugano
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved