laRegione
22.09.22 - 19:16
Aggiornamento: 20:34

Paracadutismo di precisione, l’appuntamento è al Paracentro

Da venerdì a domenica all’aeroporto di Locarno-Magadino va in scena la tappa finale della Parachute World Cup Series

paracadutismo-di-precisione-l-appuntamento-e-al-paracentro
Emozioni ad alta quota

Il prossimo, sarà un weekend da trascorrere con il naso all’insù. Sguardo puntato verso il cielo, in direzione del Piano di Magadino, e più precisamente in quella porzione di cielo che sovrasta l’aeroporto. Perché da domani a domenica il Paracentro sarà il fulcro della quinta e ultima tappa della ‘Parachute World Cup Series’, la più importante competizione di paracadutismo nella specialità dell’atterraggio di precisione. Una tre-giorni a tutta adrenalina, durante la quale si daranno battaglia centimetro su centimetro – perché saranno appunto quelli alla fine a fare la differenza e a premiare il più bravo di tutti – e dove precisione e coraggio costituiranno ingredienti imprescindibili.

Per il Paracentro di Locarno si tratta dell’evento clou dell’intera stagione, ragion per cui niente è stato lasciato al caso. I preparativi per questa tre-giorni sono iniziati praticamente... appena archiviata la passata edizione. Forti di un copione ormai collaudato da diversi anni (saranno suppergiù una trentina d’anni che la competizione sbarca in riva al Lago Maggiore, dapprima con il nome di Day & Night), gli organizzatori hanno curato ogni aspetto della competizione nel minimo dettaglio.

La manifestazione è aperta al pubblico, che potrà assistere alle spettacolari fasi di atterraggio (come pure alle tecniche per il ripiegamento della vela, anche questa un’operazione molto particolare); attorno al ‘bersaglio’ verrà infatti allestita una sorta di arena, con tanto di food truck e buvette ben rifornita.

Il programma della tre-giorni

Le competizioni entreranno subito nel vivo nella prima mattinata di domani: quella che in termine tecnico viene definita la prima ‘chiamata’ per i voli che porteranno in quota i partecipanti è fissata per le 7.45. Si proseguirà poi con i lanci indicativamente fino alle 19 (‘Sunset’), orario dell’ultimo decollo, con la ‘finestra’ di lancio che si chiuderà alle 19.15. Medesimi orari per la giornata seguente, mentre domenica, giorno del gran finale, il primo decollo è fissato alle 8.15, con gli ultimi lanci che dovrebbero essere effettuati attorno a mezzogiorno, seguiti nel primo pomeriggio dalla cerimonia di premiazione.


Abilità e precisione non devono mancare

Il Yellow Target in breve

Con il nome di Yellow Target viene definita la finale della serie annuale di Coppa del mondo di paracadutismo di precisione, nonché una delle più grandi competizioni di paracadutismo in assoluto. Annualmente vi prendono parte circa 200-250 atleti in rappresentanza di circa 25 Paesi, in lizza tanto a livello individuale quanto nella competizione a squadre. E la finale di questo tour planetario, annualmente, tiene banco al Paracentro di Locarno-Magadino. In assenza di atleti ticinesi, a fare gli onori di casa sarà la Cism, ovvero la squadra militare svizzera di paracadutismo. Prima di sbarcare all’aerodromo di Locarno-Magadino, la Parachute World Cup Series ha fatto scalo a Rijeka, in Croazia, tappa inaugurale del tour, per poi spostarsi a Bled (Slovenia), Belluno e Thalgau (Austria).

Un volo per centrare un... due franchi

Il paracadutismo di precisione è una delle specialità più antiche del paracadutismo sportivo e rientra nella categoria delle ‘discipline classiche’ (che comprende pure la caduta libera). Il primo Campionato mondiale di atterraggio di precisione porta infatti la data del 1951. A ospitarlo fu la cittadina di Bled, nell’allora Jugoslavia (ora Slovenia).

Il bersaglio a cui i paracadutisti si devono avvicinare il più possibile e, idealmente, posarvi sopra il tallone – perché è quello a fare stato – al momento di toccare terra è grande all’incirca come una moneta da due franchi (agli albori di questa disciplina, il bersaglio misurava 10 centimetri di diametro, poi abbassati a 5 cm e infine agli attuali 2 centimetri), collocato al centro di un tappetone in gommapiuma di due metri. A determinare la graduatoria finale sarà la somma della distanza tra il centro e il punto di atterraggio – rilevata mediante un sensore elettronico – in ogni singola manche. Otto in totale i lanci che serviranno a stilare la graduatoria finale individuale. Parallelamente a questa competizione ci sarà pure la prova a squadre, aperta a gruppi di almeno cinque lanciatori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
57 min
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
1 ora
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
8 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
10 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
11 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
11 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
12 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
12 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
16 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
18 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
© Regiopress, All rights reserved