laRegione
16.05.22 - 17:30

Colonia diurna estiva di Losone, iscrizione criticata

Il metodo ‘chi prima arriva meglio alloggia’ non è piaciuto alla Lista della sinistra, che chiede di cambiare modalità

colonia-diurna-estiva-di-losone-iscrizione-criticata
Ti-Press
I 60 posti sono andati via in fretta

Non è piaciuta a tutti la nuova modalità d’iscrizione, sul modello "chi prima arriva meglio alloggia", per la colonia diurna estiva del Comune di Losone. In sostanza il Municipio, per attribuire i 60 posti disponibili – 30 per bambini della scuola dell’infanzia e 30 per quelli della scuola elementare – ha aperto le iscrizioni tramite il sito web del Comune. Ne è scaturita una corsa alla compilazione online, che ha visto i posti disponibili esaurirsi in poco meno di quattro ore (dalle 8 alle 12), non dando ad alcuni genitori che lavorano e che facevano particolarmente affidamento su questa importante offerta estiva, alcuna chance di potervi accedere.

Stando alla Lista della sinistra il sistema non ha tenuto conto delle necessità di queste famiglie, facendo perdere alla colonia estiva quell’importanza sociale che si richiederebbe a un servizio pubblico. È quindi scattata un’interrogazione, firmata dal consigliere comunale Davide Fabbri. "Nella nostra visione politica circa i compiti che un Comune debba svolgere nella società di oggi, dove molte famiglie faticano a conciliare le esigenze professionali con l’accudimento dei loro figli al di fuori dell’ambito scolastico, riteniamo auspicabile che il Municipio si adoperi affinché chi vive sul territorio comunale e deve fronteggiare situazioni complesse e difficili possa usufruire nella misura del possibile e del ragionevole di un sostegno e di un particolare occhio di riguardo – specificano i vertici del gruppo politico losonese –. E ciò sempre rispettando i principi della proporzionalità e delle pari opportunità, considerando tuttavia che situazioni differenti giustificano approcci differenti".

Le tre settimane della Chiocciola (colonia diurna estiva comunale tra metà giugno e l’inizio di luglio), da ormai diversi anni, "rappresentano un’importante e lodevole iniziativa che, nel periodo di tre settimane successivo al termine dell’anno scolastico, permettono a un certo numero di allievi della scuola dell’infanzia e della scuola elementare di svolgere un programma di attività diversificato e molto apprezzato. Nel contempo, questo servizio che impegna i bambini dalle 8.30 alle 17 e che comprende anche i pasti, consente ai genitori che lavorano – in particolare se lavorano entrambi o la famiglia è monoparentale –, di usufruire di un importante e tangibile sostegno nel conciliare l’attività professionale/lavorativa con il lungo periodo delle ferie scolastiche".

In conclusione la Lista della Sinistra chiede al Municipio "quali misure intende adottare per venire incontro a quelle famiglie con situazione lavorativa complessa rimaste escluse e quali correttivi intenda attuare il prossimo anno onde evitare una pazza gara per assicurarsi un posto".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
1 ora
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
1 ora
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
10 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
11 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
11 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
11 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
13 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
13 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
13 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved