laRegione
centovalli-termini-inappropriati-dimissione-in-seno-all-eac
laR
 
10.12.21 - 05:20
Aggiornamento: 19:31

Centovalli: termini inappropriati, dimissione in seno all’Eac

La rinuncia di Marco Piozzini, presidente dell’ente che dovrà gestire le funivie: ‘Sono venuti meno i requisiti per proseguire la collaborazione’

Quando si parla dell’importanza del “peso delle parole”. Quelle che diciamo, udiamo e scriviamo si fissano dentro di noi e innescano, non di rado, reazioni a catena. Ne sa qualcosa il Municipio di Centovalli, confrontato con una patata bollente proprio a pochi giorni dalla prossima seduta di Consiglio comunale. Tutto parte dalla presentazione di un messaggio al legislativo: porta per l’esattezza il numero 231 ed è relativo, citiamo, alla “Richiesta di revoca del contratto di prestazione tra Comune ed Eac (Ente autonomo delle Centovalli) per la gestione delle funivie Intragna-Pila-Costa e Verdasio Rasa”. Due impianti, lo ricordiamo, vetusti e che saranno presto ammodernati grazie a un corposo credito di circa 12 milioni di franchi stanziati dal Cantone a tale scopo. Un aiuto, quello statale, che sarà tuttavia l’ultimo, poiché della gestione finanziaria di questi impianti via fune si occuperà, in futuro, proprio l’Eac.

Ma quale revoca se nemmeno è iniziata la collaborazione?

Ebbene prima ancora che le carte siano pronte per essere approvate, ecco il colpo di scena. Il presidente dell’Eac, Marco Piozzini, rassegna le sue dimissioni con effetto dal 31 dicembre. Il motivo? Sono venuti meno i requisiti minimi per proseguire la collaborazione col Municipio, sostiene.

Per vederci un po’ più chiaro, è necessario sbirciare proprio all’interno del messaggio municipale, laddove si parla, citiamo, di “revoca immediata del mandato... per evitare pasticci”. “La revoca immediata di un mandato è una misura grave – spiega l’interessato –. Nel caso specifico, oltre che ingiustificata, la misura è assurda, non potendosi verificare la condizione necessaria ancor prima dell’inizio del mandato. Non da ultimo è pure l’espressione di una volontà unilaterale”. Tradotto in altre parole, come può essere tolto un incarico se ancora non ha avuto avvio e come possono esservi le condizione per un tale grave provvedimento prima dell’inizio? Ma ciò che è più grave, secondo Piozzini, è che i termini impiegati, inappropriati, sono lesivi della sua persona (discorso che vale ovviamente anche per gli altri membri del Consiglio dell’Ente), perché lasciano intendere che ci siano state delle inadempienze. Ciò che ovviamente non è stato il caso.

La richiesta di correggere il tiro

Da qui la richiesta all’autorità municipale di correggere il tiro, provvedendo a una rettifica del messaggio, con tanto di comunicazione alle parti (legislativo in primis) prima della seduta di Consiglio comunale. Così da cancellare ombre e dubbi sull’operato dell’Eac. Richiesta inascoltata.

Gli incontri tra le parti degli ultimi tempi, purtroppo, non hanno permesso di arrivare a una soluzione. Non sono stati forniti, al Consiglio dell’Ente, nemmeno i necessari chiarimenti su altri aspetti inerenti le funivie (su tutti l’avanzamento dei lavori di ammodernamento e la gestione dei vari progetti). In assenza d’informazioni e venuti meno i necessari presupposti per una collaborazione trasparente e fruttuosa, Piozzini ha dunque ritenuto opportuno comunicare la sua rinuncia: «Esprimo tutta la mia solidarietà agli utenti delle funivie che potrebbero incontrare dei problemi nei mesi a venire».

A questo punto le discussioni si spostano nella sala del legislativo. Lo stesso presidente del Consiglio dell’Eac, in base a quanto scaturirà dal consesso, valuterà ulteriori passi da intraprendere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centovalli funivie mandato marco piozzini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
57 min
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
4 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
4 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
4 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
4 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
7 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
10 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
11 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
Ticino
11 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
19 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
© Regiopress, All rights reserved