laRegione
laR
 
25.06.21 - 05:30
Aggiornamento: 12:58

Someo-Cevio, ex ferrovia recuperata a uso ciclistico

In Vallemaggia è entrata nel vivo la realizzazione degli ultimi tre lotti della pista per le biciclette tra Locarno e Bignasco. Consegna nel 2024

someo-cevio-ex-ferrovia-recuperata-a-uso-ciclistico
(Foto Emanuele)

Sono iniziati nelle scorse settimane, tra Visletto e Cevio, i lavori di messa in conformità del vecchio ponte della ferrovia Valmaggina, da decenni in disuso (più precisamente dal 1965, quando il trenino compì l’ultima corsa, condannato dal boom dell’automobile), che rinascerà, una volta concluse le modifiche, come attraversamento del corso d’acqua per ciclisti e pedoni.

Il manufatto sulla Maggia è parte integrante del raccordo ancora mancante della pista ciclabile Locarno-Bignasco: quello tra Cevio e Someo, che nei prossimi anni, a tappe, verrà completato, come ci ha spiegato l’ingegner Patrik Rivaroli, capo Area operativa Sopraceneri del Dipartimento del territorio. Lo sarà proprio sfruttando, laddove possibile, il vecchio tracciato dei binari della Valmaggina. I circa 4,4 km in attesa degli interventi sono suddivisi in tre tronchi attualmente oggetto di progettazione.

Unire le due rive del fiume evitando il ponte delle auto

L’accesso Cevio-Visletto sarà il primo a essere ultimato, si spera entro la fine dell’anno in corso. Il ponte, con i suoi 82 metri di lunghezza, sarà dotato di una piattabanda che consentirà il raccordo, alla stessa altezza, con la strada cantonale, di fronte al piccolo Oratorio di San Defendente. Dal momento che la visibilità in quel punto soddisfa i requisiti tecnici, l’attraversamento della cantonale per i ciclisti può avvenire “a raso” e non presenterà alcun pericolo. Sulla sponda destra, una volta attraversato il ponte in direzione del capoluogo, gli utenti percorreranno una stradina d’accesso alla cava Bettazza Graniti Sa dotata di apposito asfalto e bordure, per poi proseguire verso Bignasco.

Il tratto seguente è quello che separa il Ristorante Soladino (Riveo) dal posteggio della cascata di Someo posto in fondo alla tirata, prima della doppia curva. In questo momento è in corso la procedura di appalto dei lavori, che dovrebbero poter iniziare a settembre e venir eseguiti nel corso del 2022.

Rimarrà poi, a quel punto, solamente l’ultimo tratto, tra il posteggio in questione e il Garage Mattei, per il quale la progettazione è in corso; il via ai lavori, secondo la tabella di marcia del Cantone, nell’autunno del 2022. Consegna dell’opera a cavallo tra il 2023 e il 2024. Anche in questo caso, nel limite del possibile la ciclopista verrà ricavata sfruttando il vecchio tracciato del treno ove in passato sferragliavano i convogli (in alcuni punti si dovrà invece spostare leggermente la carreggiata delle auto a valle). Quest’ultimo intervento sarà, come detto, quello conclusivo.

Un virtuoso esempio di ‘reimpiego’ in chiave ecologica

Perché da quel giorno in poi la ciclopista della Vallemaggia (che fa parte dell’itinerario cantonale), da Ponte Brolla a Bignasco (25 km) sarà ultimata e correrà su un sedime costruito, per diversi chilometri, per i treni, ma che adesso ha tutto il suo fascino e la sua bellezza per gli amanti delle due ruote. Di che elevare l’opera al rango di prezioso reperto di “archeologia industriale”. Un virtuoso esempio di economia circolare, di reimpiego in chiave “green” di un tracciato ferroviario che modifica la sua originaria funzione conservandone alcune missioni, come la valorizzazione del territorio attraversato, stavolta in chiave di mobilità turistica sostenibile. Per quanto riguarda i costi dei tre tratti mancanti, si aggirano sui 9,5 milioni di franchi (a preventivo).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
gallery
chiasso
2 min
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
1 ora
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
2 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
5 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
5 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
5 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
6 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
6 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
6 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
8 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
© Regiopress, All rights reserved