laRegione
09.03.21 - 15:49
Aggiornamento: 16:24

Muralto, quell’antenna 5G non s’ha da fare. In 170 contro

Un gruppo di cittadini si oppone alla domanda di costruzione di un potente impianto di telecomunicazione voluto da Swisscom in via San Carlo

muralto-quell-antenna-5g-non-s-ha-da-fare-in-170-contro
(Foto Ti-Press)

Sono quasi 170, a Muralto, le persone che hanno espresso la propria contrarietà alla posa di una nuova antenna 5G. Lo hanno fatto firmando una lettera di opposizione alla domanda di costruzione che Swisscom ha presentato al Comune per un nuovo impianto di telecomunicazione in via San Carlo. 

Una delle promotrici dell'iniziativa, comproprietaria di un palazzo nella via, ripercorre il corto iter che ha portato all’inoltro dell'opposizione. «Un paio di settimane fa abbiamo ricevuto da parte dell’amministratore che gestisce il nostro stabile l‘informazione della pubblicazione all’albo comunale di questo avviso di costruzione. Ci siamo recati in Municipio e abbiamo consultato l’incarto. In esso non è esplicitato che si tratta di tecnologia 5G, ma dalle schede tecniche risulta evidente che lo possa essere in base alle bande di frequenza indicate. Essendo molto vicini alla sua prospettata ubicazione, secondo la tabella tecnica saremmo sottoposti a delle importanti radiazioni». Inoltre, rende noto l’iniziativista, «esiste già un’antenna Swisscom a 200 metri da noi». Che, però, nell’incarto non è menzionata, «anche se l’operatore aveva manifestato l'intenzione di potenziare quelle già esistenti».

Una mancanza di trasparenza che aumenta l’insicurezza su un argomento delicato. Anche questo aspetto ha motivato un gruppo di vicini a contattare ‘Stop 5G Ticino’ per redigere una lettera di opposizione. Contemporaneamente è stata avviata una raccolta firme che nell’arco di una settimana ha portato a racimolarne quasi 170. «Parlando con la gente abbiamo notato che tanti abitanti della zona non erano a conoscenza del progetto. È una carenza di informazione che ci ha sorpresi e preoccupati».

L'opposizione è stata fatta appellandosi al principio di precauzione: “Non si conoscono ancora tutti gli effetti di queste radiazioni e la loro eventuale pericolosità. Al primo posto ci deve essere la sicurezza e la salute della popolazione. Il timore è soprattutto per i bambini piccoli che sono più esposti ai rischi». La promotrice dell’opposizione, mamma di due bambine, tiene inoltre a sottolineare che il raggio d’azione dell’antenna si estenderebbe su una zona residenziale con una scuola, un asilo e una casa anziani, dove non ci sono uffici e fabbriche. «Le persone che hanno firmato, che sono più del 95% di quelle che abbiamo incontrato, si sono dette soddisfatte della situazione attuale. Per chi desidera internet più potente c’è la fibra ottica». 

Swisscom, si segnala, ha fatto domanda di costruzione anche alla Città di Locarno per due antenne da posare in via Balestra e in Piazza Grande. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
7 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
9 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
9 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
10 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca
Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Ticino
12 ore
Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’
Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Locarnese
12 ore
Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze
La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Bellinzonese
13 ore
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
17 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
© Regiopress, All rights reserved