laRegione
Lo staff di Rft con Alain Scherrer, Mauro Beffa e Marco Maggi
Locarnese
03.06.18 - 09:340
Aggiornamento 15:05

Notte Bianca, successo di pubblico a Locarno

Oltre 28mila le persone che hanno partecipato quest'anno alla dodicesima edizione della manifestazione

Meglio di così non poteva andare. Record di presenze, di partecipazione tra commercianti ed esercizi pubblici (ben 86) e un’offerta più di livello e vasta che mai. Una serata da incorniciare, anche dal punto di vista dell’ordine pubblico. La Notte Bianca è sicuramente un bell’acuto, uno degli eventi di spicco nella variegata offerta proposta della Città di Locarno. A dimostrarlo il fermento che si innesca in occasione di questo evento, in grado di fondere tutti gli enti e gli esercizi all’interno del perimetro con l’elemento essenziale: il pubblico. Il programma messo a punto dal Comitato d’organizzazione della Notte Bianca, nonostante la concomitanza di numerosi eventi sul territorio, ha calamitato migliaia di persone – oltre 28'000 (!) come riferito dal comitato d’organizzazione – molte delle quali provenienti da ogni angolo del Ticino, ma anche una folta presenza di turisti. A scaldare i motori della manifestazione sono stati i numerosi enti e le associazioni attive già nel corso del pomeriggio, uno dei momenti più gettonati dalle famiglie per le animazioni, attività manuali e visite guidate nella splendida cornice del Castello Visconteo (grazie al Gruppo genitori locarnese), dove si sono esibiti il coro del Liceo di Locarno e il coro Calliope, mentre pochi passi più in là protagonisti sono stati i gruppi folkloristici e il Boxe Club Locarno, all’interno della rotonda di Piazza Castello. Ampio ventaglio di offerte anche dal côté culturale in una sorta di porte aperte a Casa Rusca per la mostra “Mario Botta. Spazio Sacro”, al Castello Visconteo per la mostra archeologica e pure all’Ospedale regionale La Carità, dove è stata allestita “Nel silenzio della notte”. Al Dfa della Supsi è stato il momento per annunciare il manifesto vincitore della 12a edizione della Notte Bianca, realizzato dal ticinese Ares Pedroli e diventato di diritto nuovo simbolo per l’edizione 2019. Carrellata di concerti tra Città Vecchia e il centro città rivolto verso il Lago Maggiore per i principali festival della regione, dal Locarno Folk festival, al Verzasca Country festival in Piazza Sant’Antonio, fino alla Piazzetta Respini, dove sono echeggiate note tipiche del Vallemaggia Magic Blues.

Musica e shopping

Tra un numero degli artisti di strada e un po’ di shopping, grazie ai negozi aperti fino a tarda notte, i presenti si sono imbattuti in una trentina di bar, osterie (e addirittura negozi!) che hanno proposto svariati generi musicali, dal reggeaton all’altezza del Palacinema, passando per sonorità più “irish” al Bar Bazoo. L’epicentro musicale dell’evento è stato sicuramente Piazza Grande, dove Radio Fiume Ticino ha festeggiato insieme al pubblico e a diverse personalità della politica e dello sport il 21° compleanno, che si è tradotto sul palco con un momento tanto divertente quanto emozionante sulle note di “Avicii”, dj recentemente scomparso, in un omaggio intorno alle 23 sul palco, subito dopo i concerti gratuiti dell’Atm con i “Goldsfish” e con il gruppo vincitore del concorso di “Music Club”, ovvero i “Barbie Sailers”, premiati dal sindaco Alain Scherrer e dal rappresentante di BancaStato Fabrizio Conti Rossini. Tutto preludio al grande concerto delle Vibrazioni: il carismatico Francesco Sarcina e la sua band hanno sicuramente lasciato il segno in quello che non è stato un semplice “show case”, ma una vera e propria esibizione con un gran repertorio, che ha trascinato e fatto cantare tutta la piazza. Canto libero anche per la presenza di Gianni Dall’Aglio con la band originale di Lucio Battisti, a cui è stato dedicato un tributo con canzoni intramontabili. Serata chiusa dalla V-Band di Luca Cassol, l’ex Capitan Ventosa ora in forza al team di speaker di Radio Fiume Ticino. Il Comitato della Notte Bianca ringrazia infine sentitamente tutte le persone coinvolte nell’organizzazione (sponsor, esercizi pubblici, commerci, Festival) e i servizi della Città (Servizio manifestazioni in primis) e le Polizie comunale e cantonale per la preziosa collaborazione.

Potrebbe interessarti anche
Tags
locarno
notte
bianca
notte bianca
pubblico
piazza
città
festival
castello
organizzazione
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved