laRegione
porto-del-gambarogno-le-perplessita-della-ssic-ticino
Samuel Golay
La zona dove sorgerà la struttura
Gambarogno
04.05.16 - 15:550
Aggiornamento : 11.12.17 - 18:15

Porto del Gambarogno, le perplessità della Ssic Ticino

Acque agitate all’orizzonte per il Porto comunale del Gambarogno. Una struttura che da anni è fra i progetti prioritari della sponda sinistra del Verbano, ma che stenta a decollare. Recentemente il Comune aveva deciso di rifare il concorso, perché alla prima tornata per le opere frangiflutti galleggianti le offerte superavano il preventivo massimo. Così gli ingegnerei avevano dovuto rimettersi a tavolino per trovare soluzioni più economiche e rispettose della spesa stabilita dal Comune.
Ora, però, arriva una presa di posizione polemica della sezione Ticino della Ssic, Dal titolo: “Appalto per il nuovo porto comunale di Gambarogno: Come volevasi dimostrare…”.
Ecco il testo: “La Ssic Ticino aveva espresso a chiare lettere al committente (il Municipio del Comune di Gambarogno) il proprio disappunto dopo l’annullamento dell’appalto per le opere frangiflutti galleggianti del nuovo porto comunale. In sostanza, lo scorso mese di settembre era avvenuta l'apertura delle offerte. Tre quelle pervenute (una ditta ticinese, un consorzio formato da due imprese ticinesi e uno formato da due ditte italiane). In fase di apertura è stato svelato il preventivo del committente (poco meno di 4 milioni di franchi) con una chiara premessa: ‘Preventivo del committente inteso quale importo massimo per i lavori oggetto del presente appalto’. Visto che tutte le offerte erano superiori al preventivo, il concorso è stato annullato (5 milioni la più bassa, 6,8 milioni la seconda e 7,7 milioni la terza, quella del consorzio italiano). E fino a questo punto nulla da obiettare in quanto se un ente pubblico dispone di un determinato tetto massimo di spesa, ciò va rispettato. Semmai le perflessità nascono in merito all’attendibilità del preventivo del committente. E qui qualche dubbio iniziava a spuntare”.
Il Comune ha deciso di aggiustare il progetto e di indire un nuovo concorso pubblico, “con la differenza che ora le imprese sapevano il limite massimo di spesa del committente”, commenta la Ssic Ticino.
Lo scorso 12 aprile, ha avuto luogo la nuova apertura delle offerte, “con il preventivo del committente ridotto, a seguito delle modifiche di progetto di circa 350mila franchi, a 3.6 milioni di franchi. Quattro le offerte pervenute. Alle tre del primo concorso si è aggiunto un consorzio ticinese. Per quanto riguarda gli offerenti ticinesi, il prezzo complessivo è stato ridotto proporzionalmente alle modifiche di progetto (qualche centinaia di migliaia di franchi), mentre l’offerente italiano è passato dai 7,7 milioni di franchi della prima volta a 3,99 milioni di franchi! Ci chiediamo a questo punto come sia possibile che di fronte ad una riduzione dell'importo di preventivo del committente pari a 346mila 541 franchi, un offerente abbia potuto ridurre la propria offerta di ben 3,6 milioni (guarda caso offrendo un prezzo praticamente uguale al primo preventivo reso pubblico dal committente). Ora bisognerà vedere se l’appalto sarà annullato di nuovo visto che il minor prezzo è ancora superiore al preventivo aggiornato del committente. Un progetto mal gestito sin dall’inizio, che finora ha solo causato costi alle ditte che hanno elaborato le offerte. Vi è solo da sperare che il lavoro che verrà eseguito sul nostro territorio rispetti almeno le disposizioni vigenti in Ticino (contratti collettivi di lavoro, leggi e ordinanze sul lavoro, direttive nell’ambito della sicurezza, eccetera). In caso contrario saremmo confrontati con un evidente caso di concorrenza sleale che danneggia l’economia cantonale”.

TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Campione d'Italia, venduto il primo gioiello di famiglia
È la villa di Bordighera la cui vendita fu bocciata nel dicembre 2019. Nulla da fare per il secondo, ricco immobile (la crisi del settore non aiuta)
Ticino
3 ore
Covid-19, cinque nuovi contagiati in Ticino
Il totale dei positivi al coronavirus registrati dall'inizio della pandemia sale così a 3'381. Nessuna nuova ospedalizzazione, nessun nuovo decesso.
Mendrisiotto
8 ore
'Le donne esistono e hanno un peso'
Françoise Gehring è la seconda donna che siede in Municipio a Mendrisio nello spazio di una legislatura. 'Un viatico per il 2021? Lo spero'
Ticino
8 ore
Quando la politica ticinese fa nomi e cognomi
Uno studio dell'Ustat sulla partecipazione elettorale racconta tante cose di come siamo e com'eravamo. Con un occhio all'anagrafe, ma non solo
Luganese
20 ore
Viganello, nessuna scemata responsabilità per l'omicida
L'esito della perizia parla chiaro: il 34enne che causò la morte di Matteo Cantoreggi era in grado di valutare il carattere illecito dei propri atti
Locarnese
20 ore
Locarno, il grande schermo per curare anche l'anima
Al via giovedì al Palacinema di Locarno la rassegna 'Torniamo al cinema!', organizzata in collaborazione con il Film Festival Diritti Umani e con l'Otello di Ascona
GALLERY
Mendrisiotto
21 ore
Restaurata la chiesetta in vetta al Monte Generoso
La Ferrovia Monte Generoso ha finanziato i lavori con la vendita virtuale dei 441 pali del vecchio binario del 1890
Gallery e video
Mendrisiotto
21 ore
Françoise Gehring entra in Municipio a Mendrisio
Nella compagine le donne raddoppiano nello spazio di una legislatura e un po'. Prende il testimone da Giorgio Comi
Luganese
21 ore
Lugano sale in vetta a difesa dei ghiacciai
In cima al San Salvatore è stata presentata l'iniziativa Recogn.ice che vuole sensibilizzare sui cambiamenti climatici in corso
Ticino
22 ore
Italia, il limite al cash vale anche per gli svizzeri
Dallo scorso primo luglio è stata abbassata a 2mila euro la soglia dei pagamenti in contanti. Un tetto che vale per tutte le transazioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile