laRegione
10.05.21 - 21:21
Aggiornamento: 11.05.21 - 10:59

Morto il ventenne di Roveredo scomparso il 25 aprile

Il corpo è stato trovato in una zona impervia in Val Cama. Sono in corso gli accertamenti per stabilire le cause e le circostanze del decesso.

morto-il-ventenne-di-roveredo-scomparso-il-25-aprile

Epilogo tragico per il ventenne di Roveredo scomparso dal suo domicilio domenica 25 aprile. A poco più di due settimane dall’ultimo avvistamento, si è appreso che purtroppo è stato ritrovato privo di vita. Lo ha confermato ieri in serata alla ‘Regione’ un suo familiare, senza aggiungere dettagli e chiedendo rispetto per il grave lutto che ha colpito i genitori e i parenti. Oggi, 11 maggio, è anche arrivata la conferma da parte della Polizia cantonale grigionese: la salma del giovane è stata trovata domenica pomeriggio in Val Cama. In una nota le autorità precisano che nei giorni successivi alla sua scomparsa “sono state effettuate delle ricerche ad ampio raggio nella regione con l’ausilio di elicotteri, droni e squadre che hanno perlustrato il terreno”. A ritrovare il corpo senza vita sono poi state due persone “in una zona impervia della Val Cama, poco distante dal ruscello Rià de Val Cama”. Ora sono in corso gli accertamenti da parte del Ministero pubblico e della Polizia cantonale dei Grigioni per stabilire le cause e le circostanze del decesso. È dunque stato vano, mercoledì 5 maggio, il tentativo della madre di chiedere aiuto attraverso la nota trasmissione televisiva di Rai Tre “Chi l’ha visto?”. Il ventenne era nato e cresciuto in Italia in una famiglia di origini polacche, poi trasferitasi in Svizzera. Da qualche tempo viveva con la madre in Mesolcina. Ai familiari e amici la ‘Regione’ esprime il proprio sentimento di cordoglio.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
38 min
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
5 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
5 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
12 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
13 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
14 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
15 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
15 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
16 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
16 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
© Regiopress, All rights reserved