laRegione
06.12.22 - 10:17
Aggiornamento: 18:12

Restaurato l’orologio della chiesa parrocchiale di Biasca

I lavori si sono conclusi recentemente e sono costati circa 16mila franchi. Una cifra che è stata completamente coperta grazie alle offerte pervenute

restaurato-l-orologio-della-chiesa-parrocchiale-di-biasca

L’orologio del campanile della chiesa parrocchiale dei santi Pietro e Paolo a Biasca è stato restaurato. «I lavori si sono svolti quest’autunno dopo aver fatto i dovuti approfondimenti e aver ricevuti i permessi», afferma a ‘laRegione’ Ivar Albertoni, un privato cittadino che nel settembre del 2020 aveva lanciato l’idea durante un’assemblea parrocchiale. «Per anni mi sono chiesto perché il quadrante non venisse restaurato e, parlandone con Sandro Delmuè, storico sacrestano da oltre 50 anni, ho proposto al Consiglio parrocchiale di iniziare con la pianificazione dell’iter necessario». Gli interventi sono costati circa 16mila franchi e «sono stati completamente coperti dalle numerose offerte pervenute».

Cifre romane divenute illeggibili

L’orologio, con la peculiarità dell’unica lancetta, fu posato nel 1696. «Fino agli anni 60 del secolo scorso – prosegue Albertoni – l’antico ingranaggio veniva caricato a mano una volta al giorno, 15 minuti prima di mezzogiorno». Una mansione affidata dapprima «al sacrestano Giovanni Magginetti e al ‘Gusto’, cioè Agostino Rodoni, impiegato comunale, e in seguito a ‘ol Cio’, ovvero Carletto Bianchi ricompensato dal Comune con 2 franchi». Nel 1997 fu munito di un motorino elettrico, ma il problema era un altro: «Le cifre romane del suo quadrante risultavano illeggibili, sia per il degrado dovuto alla vetustà, sia per i danni dovuti agli spari dei Biaschesi ‘contro’, ovvero gli atei anticlericali».

‘La lettura dei minuti rimane intuitiva come nei tempi che furono’

Albertoni ha quindi deciso di prendere l’iniziativa per rendere nuovamente leggibile l’orologio di una chiesa che «ha un’importanza storica per Biasca, non solo legata al culto, e che ci ricorda le nostre origini cristiane». Conclusi nelle scorse settimane i lavori di restauro, «ora si possono di nuovo leggere le ore come i nostri antenati: la lancetta di ferro battuto presenta a un’estremità l’effigie della luna, al centro il sole e all’altra estremità una punta di lancia Fiore di Giglio che girando segna le ore. Tuttavia, ovviamente, la lettura dei minuti rimane intuitiva come nei tempi che furono». Albertoni tiene anche a precisare che «oggigiorno, nell’era degli smartwatch, non abbiamo più bisogno dell’orologio del campanile, ma fino agli anni 50 del secolo scorso la sua funzione era molto importante: penso ad esempio ai contadini sparsi per la vasta campagna biaschese che potevano conoscere l’ora guardando verso il campanile o udendone i rintocchi». In questo contesto ricorda anche che «l’Avemaria mattutina, la quale in passato veniva suonata manualmente alle 4.30 in inverno e alle 4 in estate, serviva sia come segnale religioso, sia come sveglia per ‘sosnàa i bes’c’ (governare gli animali)». Oggi è invece programmata in modo elettronico alle 5.30.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
5 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
9 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
15 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved