laRegione
03.08.22 - 17:34
Aggiornamento: 18:48

Gastro Bellinzona non ricorre contro la nuova tassa rifiuti

Passo indietro dell’associazione motivato dal dialogo aperto col Municipio e dal mancato sostegno espresso dalla base

gastro-bellinzona-non-ricorre-contro-la-nuova-tassa-rifiuti
Ti-Press
Il presidente Luca Merlo

«Ci è mancata la spinta dalla base. Perciò, ma anche per altri motivi, abbiamo deciso di non impugnare con un ricorso al Consiglio di Stato l’aggiornamento del Regolamento comunale sui rifiuti», votato il 21 giugno dal Legislativo di Bellinzona. «E a meno di importanti sorprese non credo che nelle prossime settimane cambieremo idea». Passo indietro dei vertici di Gastro Bellinzona e Alto Ticino rispetto alle intenzioni espresse a inizio maggio, quando il Municipio aveva sottoposto al Consiglio comunale il proprio messaggio nel quale esponeva nei dettagli il balzello da applicare già quest’anno categoria per categoria in materia di tassa base. In particolare le attività economiche, settore esercentesco incluso, non verseranno più 200 franchi annui come fatto finora, ma cifre più elevate a seconda della tipologia di esercizio pubblico (bar, ristorante, take away, albergo ecc.). La reazione iniziale di Gastro («il ricorso è certo se la politica in Consiglio comunale non troverà una soluzione di compromesso») non è poi caduta nel vuoto. Infatti il plenum del Cc, accogliendo gli emendamenti della Commissione legislazione, ha limato gli importi minimi e massimi previsti nella forchetta entro la quale lo stesso Municipio fissa di anno in anno l’ammontare della tassa a copertura integrale della spesa prevedibile.

Richieste ribadite e valutazioni in corso

Riassumendo: da una parte il taglio operato dal Cc e dall’altra il dialogo subito instaurato dal Municipio con i vertici di Gastro, cui si aggiunge un mancato sostegno da singoli esercenti, hanno indotto l’associazione di categoria a cambiare rotta. Interpellato dalla ‘Regione’ il presidente Luca Merlo spiega che durante un incontro avuto dopo il voto col municipale Fabio Käppeli, capodicastero Finanze, Economia e Sport: «Abbiamo potuto ribadire l’auspicio affinché la nostra categoria non venga chiamata pesantemente alla cassa. Chiediamo insomma che la cifra si avvicini quanto più possibile alla parte bassa della forchetta». Sempre Luca Merlo ricorda peraltro che il Municipio si era preso la briga, in primavera, di sottoporre a Gastro Bellinzona le proprie intenzioni una settimana prima di metterle nero su bianco nel messaggio. Un esercizio di trasparenza preventiva che è stato apprezzato. Dal canto suo Fabio Käppeli conferma che il tema è stato in effetti discusso con Gastro dopo la votazione in Consiglio comunale. Ma le valutazioni per l’anno corrente, aggiunge, sono ancora in corso. Questo considerato anche che la categoria delle persone giuridiche risulta adesso più differenziata, ciò che complica l’analisi nel suo complesso e la conseguente fissazione della tassa nelle singole tipologie di utenti.

Leggi anche:

Bellinzona, l’aumento della tassa rifiuti è realtà

Tassa rifiuti Bellinzona, esercenti ‘pronti a ricorrere’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
16 min
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
3 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
5 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
© Regiopress, All rights reserved