laRegione
19.06.22 - 15:54
Aggiornamento: 20:58

Era di Grono il 66enne morto sul Pizzo di Claro

E restano sempre critiche le condizioni dello scooterista di 62 anni feritosi gravemente sabato a Bellinzona

era-di-grono-il-66enne-morto-sul-pizzo-di-claro
Ti-Press

«Una persona riservata e padre di due figlie. A nome della comunità – indica il sindaco Samuele Censi – esprimo il mio sentimento di cordoglio alla moglie e ai parenti per il lutto che li ha così duramente colpiti». In Mesolcina, a Grono, si è diffusa in poche ore la notizia della morte del 66enne caduto nel primo pomeriggio di sabato sulle pendici del Pizzo di Claro, a quota 2’400 metri, mentre in compagnia di due compagni di escursione stava scendendo a valle dopo aver raggiunto la vetta situata circa 300 metri più in alto. Vano purtroppo il tentativo di soccorrere l’ex dipendente delle Ffs in pensione con l’elicottero della Rega allertato dagli amici: le ferite riportate gli sono risultate subito letali. L’inchiesta è in corso e il servizio stampa della Polizia cantonale, interpellato dalla redazione, non è in grado al momento di fornire indicazioni utili a comprendere la dinamica della disgrazia. Tutte le opzioni sono aperte e si va dal mancamento al malore; ma il 66enne, preparato fisicamente e grande appassionato di montagna, potrebbe anche avere semplicemente inciampato mettendo un piede in fallo. Da notare che la caduta risultata fatale al pensionato si è verificata alle 13.25 sul lato di Riviera, a quell’ora molto soleggiato, in una giornata priva di nubi e abbastanza calda nonostante la quota elevata. Originario di Landarenca in Val Calanca, il 66enne in passato aveva coltivato anche la passione per il canto corale a Mesocco. Il funerale si svolgerà dopodomani, martedì 21, alle 14 nella Casa funeraria di Carasso. In questo precoce inizio d’estate si tratta già della seconda caduta fatale alle nostre latitudini, dopo quella verificatasi il 7 giugno nella zona verzaschese del Passo di Piatto dove a perdere la vita è stato un turista germanico di 53 anni.

Restano intanto sempre molto critiche le condizioni del 62enne della regione feritosi sabato verso le 14 mentre con lo scooter stava percorrendo via San Gottardo in direzione di Arbedo: perso il controllo del mezzo, è caduto violentemente a terra. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale e, in supporto, della Polizia della Città di Bellinzona, nonché i soccorritori della Croce Verde e la Rega che, dopo aver prestato le prime cure, lo hanno trasportato all’ospedale. Stando alle valutazioni mediche, lo scooterista ha riportato gravi ferite e la sua vita è tuttora ritenuta in pericolo. Gravi anche le condizioni del motociclista 40enne tedesco che venerdì verso le 14 percorrendo l’A13 in direzione sud, giunto a poche centinaia di metri dallo svincolo autostradale Castione ha perso il controllo della sua moto scontrandosi con il guardrail centrale. Soccorso dal Servizio ambulanza del Moesano, è ricoverato al Civico di Lugano.

Leggi anche:

Caduta in montagna, morto un turista in Valle Verzasca

Motociclista cade e si ferisce gravemente sull’A13

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
14 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
14 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved