laRegione
laR
 
31.05.22 - 05:30
Aggiornamento: 27.09.22 - 14:46

Lumino: ‘L’entrata sull’A13 è difficilmente sostenibile’

Se l’idea di un raccordo autostradale è complicata, per il problema del traffico sarà analizzata l’opzione di rendere transitabile la strada agricola

lumino-l-entrata-sull-a13-e-difficilmente-sostenibile
Traffico di mezzi pesanti in centro paese

Per sgravare il nucleo di Lumino dal passaggio dei veicoli pesanti sulla strada cantonale, la soluzione più attuabile appare quella di deviare i camion rendendo transitabile la strada agricola della zona industriale di San Vittore. È invece più complicata l’opzione di realizzare un’entrata autostradale sull’A13. Questa in sintesi la visione del Municipio di Lumino riassunta nel messaggio con cui ribadisce il proprio preavviso favorevole alla mozione presentata nel dicembre del 2020 dal gruppo Ppd in Consiglio comunale. Mozione – su cui il legislativo dovrà esprimersi in via definitiva in occasione della prossima seduta in programma per settembre – che chiedeva al Municipio di attivarsi con l’Ufficio federale delle strade (Ustra) al fine di sondare la possibilità di realizzare un raccordo autostradale per potersi immettere sull’A13 a nord dell’abitato, in direzione sud. E questo per alleggerire il centro paese dal traffico e renderlo maggiormente sicuro per i pedoni. "Lumino, privo di una circonvallazione, è usurpato dal passaggio di veicoli pesanti e Tir diretti e provenienti dalla zona industriale di San Vittore con conseguente aggravio di transito e disagi per tutti gli abitanti, soprattutto coloro che abitano lungo la strada cantonale", veniva evidenziato nella mozione.

«La risposte dateci dall’Ustra sono abbastanza chiare e dicono che l’opera è difficilmente giustificabile e sostenibile – spiega alla ‘Regione’ Mario Baranzini, municipale e Capodicastero edilizia pubblica –. In una prima lettera al Municipio, Ustra indicava che la nuova entrata autostradale si troverebbe tra i due svincoli di San Vittore e Bellinzona Nord, distanti tra loro poco più di 5 chilometri. Secondo l’Ufficio federale delle strade la necessità di un nuovo accesso appariva a prima vista secondaria e comunque non tale da prevalere sullo scopo originale della strada nazionale. Ustra ha inoltre sollevato questioni paesaggistiche e ambientali, con particolare riferimento alla presenza di una zona protetta in prossimità dell’eventuale nuova entrata autostradale». Entrata autostradale ipotizzata da via Mondacce, modificando un’entrata di servizio già presente e utilizzata in passato. Pur ritenendo dunque complicato realizzare un nuovo accesso sull’A13, Baranzini sottolinea che l’idea non è ancora da escludere e potrebbe essere ulteriormente approfondita. «I passi che bisognerebbe compiere, su richiesta del Municipio, sarebbero verifiche preliminari da parte del Cantone sulla reale necessità dell’opera, e nel caso queste risultassero favorevoli sarebbe lo stesso Cantone a dover inoltrate una richiesta ufficiale alla Confederazione».

‘Una soluzione che permetterebbe di raggiungere lo scopo della mozione’

Per dare respiro al nucleo è tuttavia maturata l’opzione di rendere transitabile la strada agricola in mezzo alla campagna di San Vittore, che collega la zona industriale con l’esistente raccordo autostradale. «Avanzata nel suo rapporto dalla Commissione dell’edilizia, quest’opzione permetterebbe di raggiungere lo scopo della mozione senza una nuova entrata autostradale – spiega ancora Baranzini –. Consentirebbe di evitare che il traffico di camion diretti in campagna o nella zona industriale di San Vittore passi dal nucleo di Lumino. Attualmente i mezzi pesanti tendono a non utilizzare l’uscita autostradale di San Vittore ma quella di Bellinzona Nord, dal momento che dall’uscita di San Vittore alla zona industriale il percorso è ritenuto complesso e scomodo per i camion. In Consiglio comunale spiegheremo dunque che ci sono ancora dei margini di manovra, in particolare portare avanti la discussione con il Comune di San Vittore per la variante della strada agricola. È il passo principale che mettiamo in conto di fare, ma vedremo se per i mozionanti basterà». Ancora Baranzini: «L’esigenza di fare qualcosa è concreta dal momento che il traffico generato dalla zona industriale di San Vittore si fa sentire. Oltre alla mole di traffico, in alcuni punti sulla strada cantonale l’incrocio tra mezzi pesanti non è per niente sicuro».

Un’altra richiesta avanzata dalla mozione era quella di prendere contatto con le autorità competenti per far rispettare il cartello di divieto di uscita dei camion diretti a San Vittore a Bellinzona Nord. Il cartello, spiega Baranzini, dovrà tuttavia essere rimosso in quanto non ci sono più i presupposti legali per il suo mantenimento, dal momento che fu posato addirittura nel 2001 come componente di una segnaletica di cantiere provvisoria. G.R.

Leggi anche:

Lumino: mozione per chiedere un raccordo autostradale sull'A13

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
53 min
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
2 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
3 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
3 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
4 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
4 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
6 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
8 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
9 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
10 ore
Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps
L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
© Regiopress, All rights reserved