laRegione
laR
 
24.05.22 - 08:30
Aggiornamento: 14:33

Sarà abbattuto il cedro secolare della Chiesa evangelica

Bellinzona: una malattia ha compromesso la stabilità della pianta secolare divenuta negli anni simbolo per i fedeli. Il pastore: ‘Non facile convincerli’

sara-abbattuto-il-cedro-secolare-della-chiesa-evangelica
Ti-Press
Destino segnato da un fungo parassita

Un secolare cedro del Libano, che ormai da parecchi mesi presenta evidenti segni di sofferenza: importanti perdite di aghi, rami completamente (o quasi) spogli e corteccia ricoperta da colate di resina. L’elemento più caratteristico del giardino della Chiesa evangelica riformata di Bellinzona, situata in viale Stefano Franscini, è da abbattere causa malattia. «Da anni si è iniziato a osservare una consistente diminuzione del verde e l’affiorare di alcune parti secche, infondendo un diffuso sospetto nella comunità – afferma il pastore Stefano D’Archino da noi contattato –. Alcune perizie hanno quindi evidenziato la necessità di effettuare una completa potatura dell’esemplare perché ritenuto a rischio caduta».

Il pastore: ‘Più di un semplice albero. Non facile convincere i fedeli’

Il cedro è infatti collocato in mezzo ad alcuni edifici, come il Pretorio, e un possibile crollo implicherebbe danni importanti. La chiesa ha allora iniziato le pratiche di abbattimento e, «ricevuta l’autorizzazione del Cantone, ora attendiamo solo quella del Municipio di Bellinzona. Non è però stato facile convincere la comunità, molte le perplessità e le preoccupazioni iniziali. La pianta, ultracentenaria, è stata capace di creare un legame affettivo con i fedeli». Sì, perché il suo pregiato legno (dalla particolare conformazione e profumo) era parecchio apprezzato dai popoli mediorientali. Non è pertanto una coincidenza che, spesso, sia menzionato nella Bibbia (più di 70 volte) e sia stato utilizzato per edificare il Sancta Sanctorum del Tempio di Gerusalemme.

La chiesa, una delle prime costruzioni edificate oltre piazza Indipendenza, è stata ultimata a fine Ottocento. E nell’ambito del cantiere si è deciso di piantare anche l’esemplare di cedro del Libano: «Prima non c’era nulla fuori dalle mura di Castelgrande, era tutto consacrato alla campagna – spiega il pastore –. Il terreno disponeva di un bel giardino e quindi si è messo a dimora questa pianticella. Forse inizialmente ce n’era un’altra. Non ne conosceremo la reale età finché non verrà tagliata, ma possiamo comunque presumere che abbia quasi 150 anni di vita». Da sempre simbolo ed elemento di aggregazione per la comunità evangelica di Bellinzona, la notizia del suo abbattimento (anche se per il momento le motoseghe non sono ancora entrate in azione) ha rappresentato motivo di grande dispiacere fra i fedeli. «La maggior parte ha ricordo di questa enorme ombra nei momenti comunitari e nelle calde giornate d’estate».

Verso una nuova piantumazione

Da rigoglioso esemplare a ‘ramoscello’ spelacchiato e in fin di vita. Il cedro ha superato indenne la ristrutturazione della chiesa, nulla ha però potuto contro il decorrere di una malattia. «La comunità ha cercato in tutti i modi di curarlo: sfortunatamente la presenza di questo fungo parassita ha già intaccato le radici compromettendone la stabilità». Dopo una prima ottimistica perizia, la decisione delle autorità competenti non ha lasciato scampo alla pianta. «Non c’è più nulla da fare! Appena riceveremo il benestare del Municipio, chiameremo una ditta specializzata affinché ne effettui la demolizione. Dispiace, ma non possiamo fare altrimenti». Dalla resistente circonferenza (sperando sia ancora in discrete condizioni) uno dei fedeli, di professione falegname, «cercherà di ricavare un nuovo tavolo della Cena del Signore», conclude D’Archino. Bonificato il terreno, l’intenzione è infine quella di ripiantare un nuovo cedro del Libano in modo da continuare questa tradizione. Di generazione in generazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
6 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
10 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
10 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
10 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
18 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
18 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
19 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
20 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
20 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
21 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved