laRegione
laR
 
30.03.21 - 17:53
Aggiornamento: 18:21

Leventina: un Masterplan anziché il Museo di storia naturale

Compromesso in vista nella commissione parlamentare della Gestione: confermare la sede a Locarno e sostenere meglio lo sviluppo della valle

leventina-un-masterplan-anziche-il-museo-di-storia-naturale
Identificare progetti condivisi (Ti-Press)

Sembrano affievolirsi le speranze dei promotori del Museo cantonale di storia naturale a Faido di veder realizzata questa struttura nella località medioleventinese. In seno alla Commissione della Gestione del Gran Consiglio si starebbe infatti ulteriormente rafforzando una maggioranza chiara a favore di Locarno, soluzione sostenuta dal Governo. Tuttavia le pressioni dei sostenitori di Faido non sembrano essere state ignorate. Infatti sui banchi della Gestione vi è un rapporto unico, ma non ancora firmato, che propone una sorta di compromesso: realizzare il museo nella città sul Verbano, chiedendo allo stesso tempo al Consiglio di Stato di «attivare le procedure per lanciare il Masterplan Leventina», conferma a ‘laRegione’ Matteo Quadranti, presidente della commissione. E questo con l'obiettivo di promuovere progetti a favore dello sviluppo economico della regione a medio termine, grazie anche al sostegno finanziario di Cantone e Confederazione. 

Nel rapporto – relatori i locarnesi Fiorenzo Dadò (Ppd) e Nicola Pini (Plr), nonché il leventinese Michele Guerra (Lega) – la commissione della Gestione dovrà esprimersi principalmente sul messaggio governativo che chiede al Gran Consiglio di stanziare un primo credito di 9,5 milioni di franchi per la progettazione del museo (che verrebbe inserito nel comparto di Santa Caterina di Locarno, già di proprietà dello Stato), ai quali dovrebbero poi seguirne altri 36 per la realizzazione. Un progetto che ha però trovato sulla sua strada i sostenitori di Faido: in diverse occasioni hanno fatto notare che la località medioleventinese sarebbe dovuta essere presa maggiormente in considerazione da parte del Cantone, anche in ottica di promozione delle zone periferiche, ritenendola un'ottima opzione quale nuova sede del museo. Posizioni ribadite durante un'audizione avvenuta recentemente davanti alla Gestione da parte delle deputate leventinesi Sara Imelli (Ppd) e Diana Tenconi (Plr) che insieme a Michele Guerra hanno elaborato una mozione – firmata da 27 granconsiglieri – chiedente al Consiglio di Stato una comparazione dettagliata delle due località coinvolgendo anche esperti esterni.

Una ‘Casa delle valli’ con sinergie in Leventina

Nel messaggio governativo si accenna inoltre a un'altra mozione (di Nicola Pini) che chiede di abbinare al museo previsto a Locarno una ‘Casa delle valli’, immaginata per presentare da vari punti di vista la storia passata e presente di importanti realtà discoste del Ticino. In questo caso è emersa l'idea di coinvolgere la Leventina, generando sinergie o promuovendo eventi in valle. Come detto il rapporto non è però ancora stato firmato e quindi il dossier dovrebbe slittare a dopo le elezioni comunali del 18 aprile. In ogni caso sarà verosimilmente sottoscritto «a maggioranza, se non all’unanimità», precisa Quadranti. Insomma, il compromesso raggiunto grazie alla promozione del Masterplan Leventina sembrerebbe trovare ampio sostegno. Anche se non si può escludere a priori che in futuro qualcuno possa lanciare un referendum contro il progetto, una volta approvato dal parlamento.

Sfruttare il potenziale del territorio

Non è la prima volta che si parla di Masterplan Leventina: alla fine dello scorso anno l'Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e valli aveva indicato che tutti i Municipi del Distretto erano concordi di dotarsi di tale strumento. Ovvero di un piano di sviluppo a medio termine (2030) per la valle, volto a sfruttare il potenziale del territorio e identificare progetti condivisi. Come del resto è già il caso ad esempio in Valle di Blenio, in Valle Onsernone, in Valle Verzasca o in Alta Vallemaggia. Concretamente, di solito in Ticino l'accento viene posto sullo sviluppo turistico coordinato, sulla valorizzazione del paesaggio e sul miglioramento della qualità della vita della popolazione, promuovendo lo sviluppo economico. Questi progetti verrebbero poi sostenuti finanziariamente da Cantone e Confederazione che «possono anche contribuire fino a coprire il 65% dei costi», sottolinea Quadranti. 

Leggi anche:

Museo di storia naturale, i sostenitori di Faido non mollano

'Col Museo di storia naturale una Casa delle Valli'

La Leventina si doterà di un Masterplan

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
3 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
5 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
5 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
5 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
7 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
7 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
8 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
10 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
12 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
© Regiopress, All rights reserved