laRegione
01.03.21 - 08:30
Aggiornamento: 19:19

Dove sono finiti i ciottoli dell'ex casa comunale di Claro?

Lo chiede al Municipio di Bellinzona attraverso un'interpellanza il consigliere comunale Plr Bixio Gianini: ‘Ripristinare almeno la scritta 1926?’

dove-sono-finiti-i-ciottoli-dell-ex-casa-comunale-di-claro

Un'interpellanza per ritrovare i ciottoli perduti dell'ex casa comunale di Claro. A presentarla il consigliere comunale Plr di Bellinzona Bixio Gianini.

"Sollecitato da parecchi cittadini di Claro – si legge nel testo –, che si chiedono perché con la ristrutturazione dell’entrata della casa comunale non è stato mantenuto il ciottolato storico con indicata la data di costruzione della casa comunale, a cui i claresi sono affezionati, dopo aver presentato una mozione riguardante la necessità di posteggi per le pratiche postali soprattutto per persone disabili, mi permetto gentilmente di chiedere al Municipio: Che fine hanno fatto i ciottoli del mosaico davanti all'entrata della casa comunale? Perché non si è trovata una soluzione che li prevedesse ancora? Esiste la possibilità che almeno la scritta 1926 (anno di costruzione della casa comunale) possa venir ripristinata in altro modo nel rispetto della memoria storica dell’ex Comune?".

Lanciata anche una petizione

Sullo stesso tema alcuni residenti di Claro hanno lanciato una raccolta firme. Oltre al ripristino della pavimentazione del piazzale, si sollecita la revisione dell'attuale situazione di accesso allo stabile che ospita lo sportello multifunzionale e i servizi postali, che secondo i promotori della petizione penalizza in particolare la popolazione anziana. Al Municipio si chiede di realizzare alcuni posteggi di breve durata al servizio degli utenti. 

Leggi anche:

'Alla nuova agenzia postale di Claro mancano parcheggi'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
6 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
11 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
21 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
21 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
22 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
23 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
23 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
1 gior
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
© Regiopress, All rights reserved