laRegione
Bellinzonese
07.11.18 - 20:100
Aggiornamento : 23:34

Finale di partita violento sui campi del Parco urbano

Bellinzona: calciatore del Codeborgo accerchiato e picchiato da 30 persone. Il capitano della squadra ospite Makedonija: 'Ha sputato in faccia a uno dei nostri'

«Per fortuna – dice Ivano Beltraminelli, comandante della Polizia comunale intervenuta domenica sera con due pattuglie al Parco urbano di Bellinzona – episodi simili capitano raramente». Meglio se non capitassero del tutto. L’episodio si è verificato al termine della partita di calcio di quinta lega, gruppo 3, giocata fra la squadra bellinzonese del Codeborgo e quella locarnese del Makedonija. Già l’incontro – spiegano alla ‘Regione’ dei testimoni – è stato pesante e caratterizzato da insulti sopra la media. Ma è dopo il fischio finale che il meglio doveva accadere. Supporter del Makedonija, membri dello staff e della società – in tutto una trentina di persone – insieme ad alcuni giocatori hanno invaso il campo e accerchiato un calciatore del Codeborgo riempiendolo di botte. I suoi compagni di gioco e lo staff sono riusciti a metterlo in salvo: «Quando è caduto a terra e loro continuavano a colpirlo, abbiamo temuto che lo ammazzassero», racconta uno spettatore.

Scena poco edificante, considerata peraltro la presenza di diverse famiglie e bambini. Un po’ come successo lo scorso gennaio alla Valascia, in versione casereccia. Ma non è finita qui: quando gli animi sembravano essersi calmati – prosegue uno dei testimoni – il capitano del Makedonija (che ha contattato la redazione smentendo completamente questa fattispecie) si sarebbe avvicinato al giocatore picchiato, che stava parlando con la moglie incinta e col figlioletto, insultando la donna. A quel punto i due si sono nuovamente azzuffati e ancora una volta il parapiglia ha visto coinvolte più persone del club ospite. Dopo questo secondo episodio è stata chiamata la polizia. I medici del Pronto soccorso hanno riscontrato sulla vittima diverse ferite superficiali ma non fratture o conseguenze che ne richiedessero il ricovero. Infatti il calciatore è stato dimesso e ha ben presto sporto denuncia; nei prossimi giorni presenterà della documentazione per completare la querela contro il portiere di riserva (indicato come il primo ad aver alzato le mani) e il capitano della squadra avversaria. L’inchiesta penale dovrà dunque chiarire le responsabilità; idem la Federazione calcio ticinese cui il Codeborgo chiede spiegazioni sui precedenti del Makedonija.

La reazione del capitano (che oggi si è preso 12 giornate)

Intanto circolano dei video e l’episodio è stato raccontato dal Codeborgo su Facebook. La reazione della squadra avversaria per bocca del suo capitano non ha tardato ad arrivare: “Prima di mettere ordine in altre squadre dovete guardare in casa vostra! È vergognoso incolpare l’Fc Makedonija solo perché portiamo questo nome che potrebbe non andarvi bene! I disordini li avete fatti voi e c’è un arbitro che farà rapporto!”. La risposta: “Se il nostro giocatore ha sbagliato dovrà pagare. Ma se per te è normale linciarlo, evidentemente abbiamo concetti basilari differenti”. Replica: “Se il vostro giocatore non avesse sputato in faccia al nostro giocatore senza motivo e se non avesse messo le mani addosso tirando pugni gratuiti non sarebbe successo niente”. Duplica: “Lo sputo è un gesto incivile e va punito, ma ciò non giustifica un attacco da parte di un mucchio di persone a un solo individuo”.

In casa Codeborgo c’è poi il timore per la partita di ritorno, a tal punto da non voler scendere in campo qualora non dovessero assistesservi polizia e Federcalcio. Peraltro proprio ieri il capitano del Makedonija e un altro giocatore hanno ricevuto 12 giornate di sospensione a testa per fatti avvenuti contro il Tegna. Per la cronaca, la partita di domenica è stata vinta dal Codeborgo 4 a 3. Dettagli.

Potrebbe interessarti anche
Tags
capitano
codeborgo
makedonija
giocatore
partita
squadra
episodio
parco
calciatore
parco urbano
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile