laRegione
Samuel Golay
Biasca
25.04.17 - 07:300
Aggiornamento : 11.12.17 - 18:18

Mozione dei deputati delle Tre Valli per salvare i dipendenti Smb

Una mozione chiede al governo un programma per salvare i dipendenti della Smb L’annuncio della chiusura della ditta Smb Sa di Biasca entro la fine dell’estate ha scatenato la reazione di tutti i granconsiglieri delle Tre Valli che, attraverso una mozione che vede come primo firmatario Raffaele De Rosa (Ppd), chiedono un intervento del governo a difesa dei 41 lavoratori che perderanno il loro impiego. “Entro l’estate andranno persi questi pregiati posti di lavoro, quasi tutti occupati da personale residente in Ticino, e nelle Tre Valli in particolare”, si legge nella mozione interpartitica.

Pur riconoscendo la buona volontà di trovare una soluzione da parte dell’attuale proprietà, delle parti sociali e dell’autorità politica (Comune, Cantone ed Ente regionale per lo sviluppo), i deputati ritengono improbabile che tale scenario possa mutare in pochi mesi e la cessazione graduale e controllata di ogni attività “appare ormai inevitabile”. La richiesta indirizzata al Consiglio di Stato è dunque di attuare un programma specifico e intensivo a supporto del personale, attivando risorse e competenze esistenti (LaborTransfer, Supsi, Urc, Innopark, ecc.), e in stretta collaborazione con le parti sociali. Quale esempio viene citato il caso della Monteforno e dell’operazione Transfer Monteforno.

“In tal modo sarà possibile occuparsi in maniera adeguata e con strumenti efficaci delle persone licenziate in massa, estendendo se del caso questa misura anche ad altre situazioni di chiusure o fallimenti aziendali che hanno colpito di recente le Tre Valli e il cantone in generale”, sottolineano i deputati Raffaele De Rosa, Franco Celio, Simone Ghisla, Nadia Ghisolfi, Walter Gianora, Michele Guerra, Omar Terraneo e Gina La Mantia.

Secondo loro, un provvedimento del genere si giustifica “non solo per il fatto che si tratta di personale altamente specializzato in attività di nicchia e in funzioni molto precise e specialistiche (quindi nel contempo difficilmente ricollocabile) oppure senza particolare formazione (quindi altrettanto difficilmente ricollocabile), ma anche per il fatto che i dipendenti risultano essere quasi tutti residenti e che la fascia di età più rappresentata risulta essere quella dai 50 ai 59 anni, notoriamente quella più fragile, difficile da ricollocare e per la quale si riscontrano i tassi di disoccupazione di lunga durata più elevati”.

TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile