laRegione
03.12.22 - 10:00
Aggiornamento: 05.12.22 - 15:44

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano

scisma-rock-italiano-senza-il-rimmel-o-altri-trucchi

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

DICHI DAL RETROBOTTEGA - Rosemary Plexiglas (1997)

Ci fu un tempo, nei tardi anni Novanta, in cui il rock italiano, scevro da capezzoli stellati e stratificazioni di rimmel intorno agli occhi e ancora riscaldato dalle ultime braci del grunge, produceva lavori di indubbia qualità. Come Rosemary Plexiglas degli Scisma, il sestetto guidato da Paolo Benvegnù, una sorta di guru dell’indie italiano, che nel 1997 provava a tracciare un solco profondo, destinato però, ahinoi, a restare ben poco seminato in futuro, con il successivo "Armstrong" non agli stessi livelli. Il maestoso attacco orchestrale della title-track che apre l’album evoca quello che già da un paio d’anni risuona dall’altra parte dell’oceano ("Mellon Collie", is that you?). Ma qui l’atmosfera è più trasognata che malinconica, sorretta dalla voce eterea ma mai stucchevole di Sara Manzo contrappuntata da quella di Benvegnù e punteggiata dal pianoforte che stendono un tappeto morbido sotto lo sferragliare delle chitarre. Chitarre che diventano spesso stridenti assecondate da ritmiche non lineari e cambi di tempo come da tradizione del miglior alternative e noise rock. È un sali e scendi di archi e pianoforte, distorsioni ed echi, accelerazioni nervose e distensioni oniriche, riff minimali ma incisivi. Sfuriate ‘rumorose’ come "Completo", "Centro", "Negligenza", "Loop 43" si alternano a digressioni a tratti vagamente psichedeliche, con le atmosfere sospese di "Psw", "Svecchiamento" e "Nuovo", per citarne alcune. In mezzo, piccole perle come "L’equilibrio", che ripropone il gioco d’intrecci fra chitarre e pianoforte e le due voci: un brano, a giudizio di chi scrive, decisamente sottovalutato. E i testi? Poetici, complessi, a tratti surreali o quasi nonsense ma mai fini a sé stessi o manieristici. Perfetta dimostrazione di come si possa fare del gran rock senza dover per forza mettere in mezzo ansie esistenzialistiche o, peggio, un "ribellismo" di facciata a base di frasi fatte e slogan triti e ritriti per dimostrare di essere veri rockettari. Un album che, a distanza di 25 anni, si direbbe, insomma, invecchiato benissimo. Resta solo un rimpianto per il prematuro scioglimento di una band che avrebbe meritato sicuramente un posto migliore nella scena italiana.

TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 gior
Benvenuti a Küstendorf
È a una dozzina di minuti di auto da Kremna, in Serbia. Io Kusturica in giro non l’ho visto, ma pare che ci viva davvero
Ticino7
4 gior
Cartoline da Barcellona
Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
4 gior
Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare
Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
4 gior
Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)
Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
4 gior
L’amore ai tempi delle neuroscienze
Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
5 gior
Amore amore, amore un Festival
Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
1 sett
Sportivamente parlando
L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
1 sett
Generazione ‘Aftersun’
Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett
Il poliziotto Mattia
Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett
Ho visto Jerry Seinfeld
Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
© Regiopress, All rights reserved