laRegione
13.11.22 - 22:00
Aggiornamento: 14.11.22 - 10:53

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)

i-modern-lovers-nel-tunnel-del-tempo
+3

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

The Modern Lovers (1976)

L’esperimento è semplice, il risultato immediato. Vi procurate questo disco, ve lo fate prestare oppure lo scaricate dalla rete. In YouTube, per dire, lo trovate bello e che completo (certo, il suono non è quello ottimale, ma fate voi). Trovato il necessario, vi piazzate nella vostra cameretta, belli comodi, con una birretta fresca (se siete maggiorenni). Non vi resta che chiudere la porta e alzare il volume. Dopo quei 9 brani e 35 minuti scarsi (nelle ristampe su cd saliranno a 12 + varie bonus tracks arrivate dal 2003 in avanti) provate a sparare una data a caso: quando mai sarà stato registrato: nel 1979? Nel 1986? Oppure nel 1999, 2007, 2013? O l’altroieri?
La magia di questo lavoro di debutto di quel genio di Jonathan Richman è che pare non avere una data di nascita: talmente perennemente contemporaneo nella sua semplicità e immediatezza. Limpido e cristallino. Apparso nel 1976 (a formazione originale già sciolta), l’assurdo è che la maggior parte del materiale risale almeno al biennio 1972/73, mezzo secolo fa. Una conferma che i Lovers fossero ben oltre il loro tempo e le mode imperanti negli anni 70 (disco, hard rock, glam, prog ecc.); e infatti da questo lavoro ha pescato mezzo mondo (affiliati a punk, post-punk, new wave inglese e college rock in particolare). Notazione: il fatto che la produzione sia stata curata da John Cale – il cervello musicale dei Velvet Underground e artefice del primo album degli Stooges (1969) – chiarisce da quale miniera la gemma provenga. E quali insondabili misteri sonori il disco continui a celare.


The Velvet Underground alla fine della anni Sessanta; John Cale è il primo a sinistra.


Iggy & The Stooges


The Strokes (2002), una della molte (più o meno recenti) realtà musicali che hanno attinto a piene mani al repertorio dei Modern Lovers.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
2 gior
Sportivamente parlando
L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
2 gior
Generazione ‘Aftersun’
Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
2 gior
Il poliziotto Mattia
Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
3 gior
Ho visto Jerry Seinfeld
Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
3 gior
Gioco, partita, incontro e citazione
Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett
C’era una volta il primo skilift
È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett
Da più di settant’anni, a Lüina si scia
‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett
Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta
Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett
Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti
Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett
Scrittore sarà lei!
Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
© Regiopress, All rights reserved