laRegione
20.08.22 - 07:00

Ferragosto: interno leventinese con musica

Le buone cose non hanno bisogno di grandi palchi. È la bellezza la loro forza

a cura di Redazione/T7
ferragosto-interno-leventinese-con-musica
© Flickr - Renzo Dionigi
“Ultima Cena”, XVII secolo, Chiesa di S. Siro, Mairengo.

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Entrare in un edificio religioso e trovare una rappresentazione dell’Ultima Cena non è raro in Ticino. Poterne vedere due (seppur in parte mutilate) è invece piuttosto curioso e sorprendente. A Mairengo, sopra Faido, la coppia di Cene la potete ammirare – una di fronte all’altra, sovrapposte e circondate da altri dipinti murali e architetture che spaziano dall’XI secolo a interventi barocchi e ottocenteschi – nella chiesa parrocchiale dedicata a San Siro. Un piccolo scrigno con un delicato soffitto ligneo: "Tanta roba", come si direbbe oggi, a conferma che prima della Ferrovia del Gottardo e del traforo autostradale da queste parti la vita già brulicava. Seduto, il pubblico si rifà gli occhi sulle note di Antonio Vivaldi, una colonna sonora che ricuce la storia di Chiaretta. Allieva del maestro veneziano, è stata una delle molte giovani orfane salvate e diventate, a loro volta, tra le musiciste più ammirate dell’epoca (grazie a una catena di aiuti, in cui le ragazze più grandi diventavano maestre delle più piccole).
È Ferragosto, l’edificio è gremito, fuori piove e non-piove. Il clavicembalo tocca corde fanciullesche, il suono del fagotto barocco fa sorridere i più piccoli, le marionette inteneriscono e il narrato di Luisa Ferroni riporta tutti alla Venezia di fine Seicento, segnata dalla decadenza economica ma certamente non da quella artistico-culturale. La Leventina di oggi non sarà la Serenissima, ma continua (sempre) a meravigliare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
1 gior
Sportivamente parlando
L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
1 gior
Generazione ‘Aftersun’
Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 gior
Il poliziotto Mattia
Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
2 gior
Ho visto Jerry Seinfeld
Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
2 gior
Gioco, partita, incontro e citazione
Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett
C’era una volta il primo skilift
È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett
Da più di settant’anni, a Lüina si scia
‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett
Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta
Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett
Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti
Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett
Scrittore sarà lei!
Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
© Regiopress, All rights reserved