laRegione
30.07.22 - 07:00

Come trovare una ‘gallina dalle uova d’oro’

Le storie migliori sono quelle di tutti i giorni. E il cinema lo sa bene

a cura di Redazione/T7
come-trovare-una-gallina-dalle-uova-d-oro
© Wikipedia
Woody Allen (qui dal classico “Prendi i soldi e scappa”, 1969)

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione

"L’anteprima del nuovo blockbuster comico, pensata per alimentare un passaparola positivo tra la gente che conta di Manhattan, venne accolta da un silenzio che in genere si associa allo spazio profondo. Quando cominciarono a scorrere i titoli di coda, prova provata di come si possono buttare via centottanta milioni di cucuzze, gli spettatori si alzarono e si trascinarono verso l’uscita con lo stesso entusiasmo degli operai che vanno in fabbrica all’inizio di Metropolis di Fritz Lang.
Mentre i vari opinionisti riprendevano coscienza nell’aria fredda di Broadway, mi trovai faccia a faccia con Nestor Grossnose, un ingombrante rompiscatole che avevo conosciuto ai tempi in cui frequentavamo i ristoranti vegetariani del Sunset Boulevard. Grossnose era un produttore specializzato nell’arte di finire in bancarotta con i progetti più promettenti. Ormai meno controllati nell’alimentazione rispetto a quando eravamo giovani, ci rifugiammo nel Carnegie Deli a consolarci con la carne in salamoia mentre dissezionavamo quanto avevamo appena visto.
‘Che solenne boiata!’ inveì il produttore. ‘Spazzatura per sottosviluppati in tempesta ormonale. Leggi qui, piuttosto’, disse estraendo un ritaglio da una tasca. ‘L’ho trovato su un giornaletto che si chiama The Week. È o non è la nostra gallina dalle uova d’oro?’. In sostanza si trattava di un pizzaiolo di Upper Darby, in Pennsylvania, accusato di mettere topi nei locali della concorrenza. ‘È la prima volta nella mia carriera’, dichiarava il capo della polizia, ‘che un topo viene usato come arma del delitto’. Grossnose mi scrutò in cerca di una reazione, sorridendo come un giocatore che ha appena scoperto di avere un poker d’assi".

(da Zero Gravity di Woody Allen, La nave di Teseo, 2022)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 gior
Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’
Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontriamo a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
3 gior
Broadcast. Fine delle trasmissioni
Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
3 gior
Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote
Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
3 gior
Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli
Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
3 gior
Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)
Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
4 gior
Orphaned Land. Di metal e di religioni
’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
4 gior
Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie
In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett
Barbara Conrad corre sempre più in alto
Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett
Arnold Rikli, il dottore del Sole
Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett
Covid-19. Il valzer delle statistiche
Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
© Regiopress, All rights reserved