laRegione
destinazione-paradiso-idee-e-immaginari
Tanti auguri e buon viaggio!
18.03.22 - 07:00

Destinazione Paradiso (idee e immaginari)

Ma una volta ‘esalato l’ultimo respiro’, come accidenti fa uno a finire lassù, in cielo?

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Quando l’argomento sono nonni e parenti che non ci sono più, si finisce a confrontarsi con la morte. E se il quesito te lo pone un bimbo di scuola materna, non è facile cimentarsi con discorsi legati alla fede e a mondi diversi e felici. Anche buttarla sul filosofico – tirando magari in ballo, che ne so, il mito del soldato Er e le anime eterne di Platone che vanno di corpo in corpo, che poi è pure un’immagine notevole – rischi l’autogol. Per fortuna a sciogliere l’impasse piovuta una sera proprio all’ora di cena, ci ha pensato il provvidenziale intervento di un fratello maggiore. Il quale, rispetto al fascinoso quesito, anni prima si era creato un film tutto suo: a spedire i deceduti in cielo ci penserebbe un enorme cannone, nel quale si infila il ‘fortunato’‚ boom! e via a bucare le nuvole. Una spiegazione pratica e plausibile, già vista al circo e in parecchi cartoni animati, senza dimenticare il grande Francesco De Gregori. Certo, detta così, quando a due passi da noi si spara ben altro e le anime innocenti perdute non si contano, rischi grosso. Ma ai ragazzini non puoi raccontargli che il mondo è governato (pure) da imbecilli, e che ogni speranza è quasi persa. Lasciamoli fantasticare, progettare e sognare. Almeno per un po’.

Butterò questo mio enorme cuore tra le stelle un giorno
Giuro che lo farò
E oltre l’azzurro della tenda, nell’azzurro io volerò
Quando la donna cannone d’oro e d’argento diventerà
Senza passare per la stazione l’ultimo treno prenderà.

E in faccia ai maligni e ai superbi il mio nome scintillerà
E dalle porte della notte il giorno si bloccherà
Un applauso del pubblico pagante lo sottolineerà
E dalla bocca del cannone una canzone suonerà.

(da La donna cannone, F. De Gregori, 1978)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
disparità di genere ticino7
Guarda 1 immagine e 1 video
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 gior
Sara Bonora: una donna e molti ruoli
"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
6 gior
Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)
Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
6 gior
Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?
“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
6 gior
Essere genitori e i facili maestri
A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
1 sett
Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso
‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
1 sett
Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta
Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
1 sett
España 82: l’anno della rivalsa
Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
2 sett
‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli
“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
2 sett
Un risotto ‘milanese’... o forse no
Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
2 sett
Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità
Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
© Regiopress, All rights reserved