laRegione
il-pallone-sembra-solo-un-gioco
© Ti-Press
2002, calcio regionale 3a lega, Coldrerio - US Azzurri. Nella compagine biaschese militò anche il cantante Paolo Meneguzzi.
12.03.22 - 07:00
Aggiornamento : 15.03.22 - 10:18

Il pallone? Sembra (solo) un gioco

“Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio”. (Albert Camus)

a cura di Redazione/T7

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

Non serve andare molto lontano per cogliere quanto il gioco del calcio abbia rappresentato un prezioso collante sociale per chi espatriava per lavoro. Storie d’immigrazione che hanno lasciato un segno, in questo caso non (solo) economico, anche da noi. Lo ricordiamo nelle prossime pagine con un contributo di Roberto Scarcella dedicato ai club nati, un po’ ovunque nel mondo, prima negli altiforni e nelle catene di montaggio, poi negli spogliatoi e a bordo di fazzoletti di terra (spesso nemmeno troppo verdi). Operai che nel dopolavoro si ritrovavano attorno a un pallone; forse non erano i grandi campioni del "gioco più bello del mondo", di certo lo erano di quello più genuino, fatto di piedi buoni (almeno uno) e polmoni per correre. I casi più significativi di casa nostra sono riconducibili all’epopea industriale in Leventina. Lo mostra la storia dell’FC Bodio e la sue fortunate stagioni negli anni Sessanta. O ancora la nascita di compagini volute da operai italiani impiegati alla Monteforno: come l’US Azzurri di Biasca, fondata nel 1969 e che lo scorso anno ha dovuto mollare tutto (si legge in Facebook) per "problemi di organico". Volevamo braccia e arrivarono anche le gambe e i piedi. E alcuni pure molto buoni.

Leggi anche:

A Bodio si rincorre il pallone da 100 anni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc bodio immigrazione monteforno bodio ticino7 us biasca
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 gior
Sara Bonora: una donna e molti ruoli
"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
6 gior
Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)
Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
6 gior
Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?
“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
6 gior
Essere genitori e i facili maestri
A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
1 sett
Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso
‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
1 sett
Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta
Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
1 sett
España 82: l’anno della rivalsa
Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
2 sett
‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli
“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
2 sett
Un risotto ‘milanese’... o forse no
Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
2 sett
Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità
Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
© Regiopress, All rights reserved