laRegione
20.02.22 - 09:15
Aggiornamento: 15:17

Il gipeto barbuto: per chi vuole saperne di più

È uno dei più grandi uccelli europei e nel 2021 è tornato a nidificare nel nostro cantone. Ma la sua convivenza con l’uomo è sempre stata ‘complicata’...

di Chiara Piccaluga
il-gipeto-barbuto-per-chi-vuole-saperne-di-piu
© Shutterstock
+2

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Un avvoltoio dalle forme agili e slanciate, ma la sua figura assomiglia più a quella di un’aquila o di un falco che a quella di un avvoltoio. Stiamo parlando del gipeto barbuto, una specie protetta, e la sua reintroduzione in Svizzera nell’estate del 1991, dopo la sua estinzione all’inizio del secolo scorso, è una storia di successo; si pensi che da allora nel Parco Nazionale Svizzero le oltre venti coppie di grandi rapaci hanno messo al mondo circa 230 pulcini. Nel maggio dello scorso anno è tornato a nidificare anche in Ticino, ma la fortuna (e un drone) non ha assistito i neogenitori.

Il suo nome viene dal greco gyps (avvoltoio) e aetos (aquila) e, con la sua apertura alare di quasi tre metri e i suoi occhi rosso fuoco, è un maestoso abitante delle regioni montuose, frequenta pareti rocciose, aspri valloni e dolci altipiani che costituiscono il suo habitat ideale. La sua stessa anatomia gli permette di sfruttare perfettamente le brezze, anche minime, che risalgono i versanti e percorrono le valli montane. Nessun altro rapace, nemmeno l’aquila reale, riesce a manovrare tra i pendii con la leggerezza del gipeto, un impressionante aliante naturale dotato di sorprendente agilità.


© Shutterstock

Lʼuovo di ʻscortaʼ

Nelle ultime settimane al centro dell’attenzione (si veda per esempio l’esaustivo contributo di Fabio Barenco apparso su laRegione, "Gipeti disturbati, covata a rischio" del 10.2.2022), il gipeto è un rapace longevo che vive generalmente in coppia, fedeli per la vita, in ampi territori. Sono molto esigenti nella scelta del partner, tant’è che se in cattività vengono messi insieme soggetti incompatibili, invece di accoppiarsi si strappano le penne a vicenda. Gli abiti stagionali e sessuali non sono differenziati; la femmina è leggermente più grande del maschio, ma tale differenza è difficilmente riconoscibile. L’aspetto degli adulti è fortemente contrastato con parti inferiori, testa e collo chiari, da bianchi a rossastri, e parti superiori scure, grigio-ardesia. Le ali e la coda sono grigio-scuro. La testa, interamente piumata, è molto caratteristica per la presenza di "baffi" neri e rigidi che scendono ai lati del becco, e per la colorazione giallo chiaro dell’iride e rossa dell’anello perioculare. Il piumaggio adulto viene acquisito gradualmente, passando attraverso una serie di livree intermedie, nell’arco di 6-7 anni.
La fase riproduttiva richiede diversi mesi e inizia precocemente; la deposizione, alle nostre latitudini, ha luogo generalmente a fine gennaio-inizio febbraio e l’unico giovane allevato arriva a involarsi solitamente nella seconda metà di luglio. Per accelerare la riproduzione in cattività si è ricorso a un espediente: la femmina depone in genere due uova a distanza di circa una settimana e il pulcino che nasce per primo uccide l’altro nei primi giorni di vita. Questa tipologia di comportamento prende il nome di "cainismo"; il secondo uovo serve esclusivamente da riserva nel caso in cui il primo non sia stato fecondato o l’embrione muoia. Per una coppia di gemelli in libertà il cibo non basterebbe, mentre in una voliera è presente in quantità sufficienti.


© Shutterstock

Fantastico volatore

Nel proprio habitat ogni coppia dispone di aree idonee per la riproduzione, per il riposo diurno e notturno e di estesi territori di caccia, rappresentati soprattutto da versanti erbosi e rocciosi, anche moderatamente ricoperti da vegetazione arborea o arbustiva, che ispeziona sistematicamente volando a bassa quota. Il gipeto, sfruttando le sue eccezionali doti di volo, può iniziare a volare di primo mattino, trascorrendo così gran parte della giornata in cielo e spingendosi anche a grande distanza. La specie necessita quindi di vasti territori montuosi con adeguate risorse alimentari, rappresentate principalmente da carcasse di ungulati selvatici o domestici. L’alimentazione si basa soprattutto sulle ossa, risorsa che non viene contesa e utilizzata da altri necrofagi ma che si trova fortemente dispersa sul territorio. Le ossa più lunghe, prima di venire ingerite, vengono trasportate in volo e spezzate, lasciandole cadere su apposite aree rocciose denominate rompitoi. A tale comportamento si riferisce il nome spagnolo della specie: Quebrantahuesos vale a dire "spaccaossa". Un altro aspetto molto curioso nel comportamento dei gipeti è il cosiddetto "trucco"; vanno intenzionalmente alla ricerca di pozzanghere con fango ricco di ossido di ferro per spalmarsi addosso il color ruggine. Forse questi uccelli non si piacciono nel loro pallido piumaggio e preferiscono ritoccarsi con un po’ di rosso? Fatto sta che il colore rosso-marrone delle piume pare per ora un puro accorgimento cosmetico, anche se in realtà si sa che ogni comportamento animale è il risultato di molteplici aspetti adattativi della specie. Nessuno però per ora sa come mai faccia ricorso al "trucco", questa tecnica così inusuale per il mondo animale.


© Shutterstock

Breve storia di unʼestinzione

Perseguitato con grande accanimento, questo uccello è scomparso dall’arco alpino oltre un secolo fa, e tutt’oggi si effettuano periodiche reintroduzioni per evitarne l’estinzione. Fino all’inizio dell’Ottocento questa specie era diffusamente presente sui principali sistemi montuosi dell’Europa centrale e meridionale, in una fascia pressoché continua dalla Penisola Iberica ai Balcani. Nel secolo successivo tali popolazioni subirono un drastico declino dovuto alle persecuzioni dirette, in quanto l’innocuo gipeto, noto fino a epoche piuttosto recenti col nome di Avvoltoio degli agnelli, veniva comunemente ritenuto specie pericolosa e nociva cui si attribuiva la predazione di ovini. Sotto Umberto I e Vittorio Emanuele III vigeva una taglia che incentivava gli abbattimenti, pagata per ogni gipeto ucciso dai direttori delle cacce reali. Allo sterminio su vasta scala contribuirono altresì il collezionismo e l’utilizzo di esche avvelenate per eliminare lupi e volpi, delle cui carcasse successivamente i gipeti si nutrivano. La causa principale dell’estinzione di questo avvoltoio sulle Alpi va quindi ricondotta all’ostilità manifestata dall’uomo, atteggiamento non del tutto scomparso nemmeno nell’ultimo scorcio di millennio. Attualmente il gipeto è presente in Europa meridionale, Asia sud-occidentale e centrale, Africa settentrionale, centro-orientale e meridionale.


© Ficedula


© Shutterstock

Leggi anche:

Il ritorno del gipeto in Ticino e le lacrime di gioia di Petra

Disturbare il gipeto mette a rischio la covata

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
5 gior
Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’
Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontriamo a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
5 gior
Broadcast. Fine delle trasmissioni
Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
5 gior
Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote
Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
5 gior
Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli
Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
5 gior
Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)
Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
6 gior
Orphaned Land. Di metal e di religioni
’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
6 gior
Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie
In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett
Barbara Conrad corre sempre più in alto
Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett
Arnold Rikli, il dottore del Sole
Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett
Covid-19. Il valzer delle statistiche
Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
© Regiopress, All rights reserved