laRegione
note-apparentemente-stonate
Non sarà innovativo come Kety Fusco, ma la voglia di provarci è sempre tanta...
19.02.22 - 07:00

Note (apparentemente) stonate

La diversità è la vera forza delle comunità più unite. Prendete Obelix e i Galli, per esempio...

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

Di tutti i personaggi presenti nella serie di Asterix, il ‘bardo del villaggio’ noto come Assurancetourix è tra i meno decifrabili. Un nome che letto così dice poco; quelli proposti da inglesi e americani (Cacofonix e Malacoustix) già ci portano sulla giusta strada. Assurancetourix dovrebbe allietare tutti con suadenti doti canore ed eccellenze strumentali, ma gli effetti creati dalla sua inesistente intonazione e dall’incapacità di suonare la lira, la cornamusa e le percussioni non solo infastidiscono, ma possono portare alla formazione improvvisa di temporaloni e calamità naturali. Eppure, nella sua apparente inutilità, anche lui trova posto nel libero e geniale villaggio celtico. Alto, biondo e curato, Assurancetourix ha modi raffinati e distinti, l’opposto di quanto riesce a partorire con la voce. Ma i maestri francesi Goscinny e Uderzo non hanno improvvisato col nome: Assurancetourix è un gioco dal sapore latino dell’espressione "assurance tous risques" (rubata a sua volta dalle polizze assicurative auto). Il nostro gioioso bardo è dunque colui che ti può togliere dai guai e la sua presenza è forse il prezzo – costoso e in qualche modo indigesto – necessario per essere ‘protetti’ quando le cose non girano per il verso giusto. Un diverso senza doti (apparenti), ma del quale la comunità non può fare a meno. Un bel messaggio d’integrazione e di convivenza, anche se poi finisce il più delle volte legato e imbavagliato a un albero quando c’è da festeggiare. Valli a capire, ’sti Galli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
identità svizzera ticino7
Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 gior
Sara Bonora: una donna e molti ruoli
"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
6 gior
Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)
Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
6 gior
Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?
“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
6 gior
Essere genitori e i facili maestri
A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
1 sett
Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso
‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
1 sett
Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta
Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
1 sett
España 82: l’anno della rivalsa
Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
2 sett
‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli
“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
2 sett
Un risotto ‘milanese’... o forse no
Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
2 sett
Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità
Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
© Regiopress, All rights reserved